Fontanellato, la città slow dell’Emilia-Romagna

Fontanellato, la città slow dell’Emilia-Romagna

Verso la fine del 1999, alcuni comuni, ispirandosi alle esperienze enogastronomiche maturate nella rete Slow Food, decisero di impegnarsi per migliorare la qualità della vita dei visitatori e degli abitanti, dando vita al movimento Cittaslow: Città piccole con massimo 50.000 abitanti, nelle quali si cerca di mantenere uno stile di vita sano, attraverso la sponsorizzazione dei prodotti locali e genuini, la tutela delle tradizioni, delle botteghe e dei bar storici ed il rispetto dell’ambiente. Ai 3 comuni fondatori, negli anni, se ne sono aggiunti oltre 70 solamente in Italia, e più di un centinaio nel resto del mondo, dimostrando in questo modo l’interesse delle persone ad uno stile di vita diverso da quello proposto nei grandi agglomerati urbani. Gli abitanti, e anche i turisti che visitino questi centri, possono godere di un clima rilassato, oltre che di una città che cerca di mantenersi il più autentica possibile. Una regione che vanta un discreto numero di città slow è l’Emilia-Romagna, e tra queste si nasconde un piccolo gioiellino di nome Fontanellato.

Simbolo del comune è la sua imponente rocca, antica residenza nobiliare dei Conti Sanvitale posta al centro della piazza principale, ricca di arredamenti di lusso, nonché di una stanza totalmente affrescata dal Parmigianino. Dopo aver visitato questa roccaforte, circondata anche da un fossato e raggiungibile solo tramite il suo ponte levatoio, è obbligatorio fare tappa al santuario della Beata Vergine del Santo Rosario, un edificio barocco, anch’esso riccamente affrescato. Altri edifici degni di nota sono poi il teatro Pompeo Piazza, di stile neoclassico, e le gotiche scuderie Sanvitale, con il loro giardino ricco di alberi secolari. In coerenza con i principi delle Cittaslow, Fontanellato si presta anche a deliziosi tour gastronomici tra i prodotti tipici della bassa Padania: salumi, tra i quali spunta la Culaccia di Fontanellato, tortelli d’erbetta, ravioli di verdura e ricotta e cacciagione. Anche la mobilità riflette questa vocazione ad uno stile di vita differente, essendo tutta la zona ideale per passeggiare con il mezzo di trasporto slow ed ecologico per eccellenza, la bicicletta.


COME ARRIVARE: Fontanellato è facilmente raggiungibile in macchina: si trova a soli 8 km dall’uscita dell’A1 Parma Ovest, ed è collegata al casello tramite la SP11. È collegata al capoluogo anche attraverso numerosi autobus che percorrono la tratta. In alternativa, è presente anche un percorso ad anello che permette ai più sportivi di percorrere questo tratto in bici.


ALTRI LUOGHI DA VISITARE: A pochi km è presente il comune di Soragna, ricco di edifici di culto e di musei, tra i quali vanno segnalati il museo ebraico Fausto Levi, il museo del Parmigiano-Reggiano ed il museo della civiltà contadina.

/https://www.fontanellato.org/

Redazione Radici

Redazione Radici

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.