Cade il muro di Berlino

Cade il muro di Berlino

Il 9 novembre del 1989 è il giorno in cui cade simbolicamente e fisicamente il Muro di Berlino che divideva in due la città dal 1961. Una data che segna anche, convenzionalmente, la fine della guerra fredda tra le due superpotenze egemoni sulla scena mondiale dalla sconfitta del nazismo: Usa e Urss. Lunga 155 km, la “Barriera di protezione antifascista”, com’era eufemisticamente chiamata dalla propaganda di Berlino Est, era fortificata da due muri paralleli di cemento armato, separati da una cosiddetta “striscia della morte” larga alcune decine di metri. Durante il periodo di esistenza del muro vi furono circa 5000 tentativi di fuga coronati da successo verso Berlino Ovest. Nello stesso periodo varie fonti indicano in un numero compreso tra 192 e 239 i cittadini della Germania Est uccisi dalle guardie mentre tentavano di raggiungere l’ovest e molti altri feriti.

Redazione Radici

Redazione Radici

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.