Italia – Libia: Di Maio incontra Khaled Ammar Al-Meshri

Italia – Libia: Di Maio incontra Khaled Ammar Al-Meshri

 Il Ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, Luigi Di Maio, ha ricevuto oggi alla Farnesina il Presidente dell’Alto Consiglio di Stato dello Stato di Libia, Khaled Ammar Al-Meshri.


Ne dà notizia la Farnesina spiegando che, in questa occasione, il Ministro ha anzitutto reiterato il convinto sostegno dell’Italia per la stabilizzazione del Paese e ha ribadito la determinazione a collaborare con l’autorità ad interim e con tutte le articolazioni dello Stato libico per sostenere le prossime fasi del processo politico, in cui l’Alto Consiglio di Stato è chiamato a svolgere un ruolo decisivo e costruttivo.


Di Maio ha anche ricordato l’urgenza di definire la base costituzionale e giuridica e di approvare la legge elettorale, affinché le elezioni possano svolgersi nella data prevista del 24 dicembre prossimo, consentendo al popolo libico di pronunciarsi attraverso il voto.


Il Ministro ha poi sottolineato l’opportunità di preservare gli importanti risultati sinora raggiunti nell’ambito della sicurezza dalla Commissione militare congiunta 5+5, in particolare la riapertura della strada costiera Sirte-Misurata e la liberazione di prigionieri, e ha ricordato l’urgenza di pervenire ad una piena attuazione dell’accordo sul cessate il fuoco, a partire dal ritiro di tutti i combattenti e mercenari stranieri dal Paese.


Confermato l’impegno italiano a sostegno del processo di riconciliazione intra-libica, incluso nel Fezzan, Di Maio ha infine ricordato l’importanza dell’approvazione del bilancio unificato per il 2021, necessario per permettere al Governo di attuare l’agenda di riforme e sviluppo e per rispondere alle esigenze di miglioramento delle condizioni sociali, rilanciando le attività economiche.


A livello bilaterale, il titolare della Farnesina ha confermato la volontà italiana di consolidare ulteriormente il percorso di rilancio del partenariato italo-libico. (aise) 

Redazione

Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *