Sydney: in edicola il nuovo numero di “Allora!”

Sydney: in edicola il nuovo numero di “Allora!”

 Mentre il governo ha prorogato il lockdown e i casi di variante Delta aumentano, approda nelle edicole di Sydney il nuovo numero del quindicinale “Allora!”.


Il nuovo numero di apre con l’editoriale di Franco Baldi sulle recenti proteste che hanno visto 10,000 persone prendere parte ad un assembramento non autorizzato nel centro della metropoli. Il governo ha schierato i poliziotti a cavallo e le squadre anti sommossa.

A Sydney il governo statale ottiene l’intervento dell’esercito per vigilare sul rispetto delle restrizioni.


L’esortazione del periodico a compilare attentamente il censimento australiano che si svolgerà nei primi giorni di agosto è affidata all’articolo di Marco Testa, in cui si ricordano alla comunità italiana le opportunità che potranno sorgere in merito all’erogazione di maggiori servizi e assistenza da parte del governo australiano che si basano sui dati che emergeranno dalla raccolta statistica del censimento.


In terza pagina le opinioni sul ruolo dei Comites nel mondo e sui contributi alla stampa estera; segue uno speciale sulle elezioni comunali locali, posticipate a dicembre, che vedranno concorrere vari candidati italo-australiani e la prima donna aborigena contestare il titolo di primo cittadino di Sydney.


Nell’ambito dell’accordo di partenariato con il governo federale australiano, Allora! ospita varie interviste con esponenti della comunità italiana in merito alla pandemia, pubblicate in tutte le edizioni fino al 2022. In questa uscita, i messaggi ai concittadini arrivano da Tony Noiosi, già esperto della Consulta Regionale Siciliana dell’Emigrazione e dell’Immigrazione, Guy Zangari, rappresentante italo-australiano al parlamento statale e dal Presidente dell’Associazione Nazionale Alpini di Sydney, Giuseppe Querin.


Nella rubrica dedicata agli eventi del passato si ricorda il naufragio del piroscafo Principessa Mafalda, in una cronistoria del novecento che racconta il ‘Titanic italiano’ in una delle tristi vicende dell’emigrazione italiana nelle Americhe. In ‘Noi Storia’, invece, un articolo sulla fondazione del primo giornale in lingua italiana pubblicato in Australia, dal siciliano Giuseppe Sceusa.


Spazio anche allo sport, tra gli echi della vittoria italiana agli Europei e le Olimpiadi di Tokyo. In un articolo di Antonio Bencivenga si elogiano le qualità umane del ct Mancini e un nuovo modo di vivere quotidianamente all’italiana. Gli esperti dall’Italia, Angelo Paratico e Marco Zacchera, presentano rispettivamente un articolo sulle Olimpiadi di Mosca del 1980 e opinioni attualità italiana.


Infine, per la sezione “a scuola”, un focus sulla profondità strategica della lingua italiana, la debacle sugli esami di stato locali posticipati nel mezzo della pandemia e un simpatico richiamo all’uso della schwa, una “?” capovolta anche se non si bene come cominciare a scriverla.
“Allora!” è disponibile in edicola oppure gratuitamente presso numerose attività commerciali e di servizio in tutta l’area metropolitana di Sydney. Il periodico è inviato mensilmente via email a migliaia di contatti e pubblicato sui social oltre che su www.alloranews.com(aise) 

Redazione

Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *