L’omertà dei giovani rilascerà i contagi?

L’omertà dei giovani rilascerà  i contagi?

“Non esistono delatori in tempo di pandemia. I nostri non stanno lì a controllare nessuno, stanno solo facendo un grande lavoro per cercare di arginare la diffusione del virus” ma “chiedo che adesso, più che mai, serva la massima collaborazione, è necessaria per limitare i danni e controllare la circolazione del virus, che oggi avviene soprattutto in fascia giovanile. Inoltre, se una persona consapevole di essere positiva omette di dichiarare le attività che ha svolto nei giorni precedenti, commette un reato penale. Spero che i ragazzi se ne rendano conto: il contact tracing serve a frenare l’epidemia”. Lo afferma l’assessore alla Sanità della Regione Lazio, Alessio D’Amato, commentando in una intervista a Repubblica, il ripetersi di casi di “omertà da quarantena” da parte dei giovanissimi. “Comprendo il punto di vista dei ragazzi: pensano che tanto non gli succederà niente e non vogliono passare 14 giorni in quarantena, ma è un errore, perché così si compromette il blocco della catena di trasmissione.

E rischiano di colpire gli adulti e gli anziani ancora non vaccinati. Siamo ancora in tempo, ma ce ne resta poco: adesso è fondamentale collaborare con le attività di tracing e completare il ciclo vaccinale. E lo possiamo fare solo adesso, perché non c’è pressione ospedaliera”. È orgoglioso della campagna vaccinale messa in atto dalla sua regione che “un mese prima degli altri, l’8 agosto, raggiungerà il 70% delle persone vaccinate con seconda dose”. “La regione Lazio – aggiunge – sta procedendo a una media di 60mila vaccinazioni al giorno, ma sento diverse voci polemiche sulla vaccinazione ai ragazzi, come se non ne avessero bisogno.

È un errore: dobbiamo arrivare a una fase di convivenza con il virus, viverla come un’influenza stagionale, e questo si fa con la vaccinazione, anche ai più giovani, sia per limitare i danni a loro, sia per tutelare chi non si vaccina o non si pub vaccinare. I ragazzi si devono vaccinare prima di andare in vacanza, inutile poi meravigliarsi se si finisce in quarantena all’estero”. Gli Europei sono stati un azzardo? “Abbiamo visto stadi controllati con disciplina ferrea e contingentamento, e al contempo situazioni di assembramento incontrollate. In pandemia esistono regole chiare: a ogni azione corrisponde una reazione. Abbiamo abbassato la guardia e questo ha portato a un aumento di casi, che ci aspettiamo che prosegua. È la conseguenza delle azioni messe in campo”. © 9Colonne

Redazione

Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *