Viaggio a Teheran, dove un chilo di carne è diventato un bene di lusso

Viaggio a Teheran, dove un chilo di carne è diventato un bene di lusso

L’Iran che venerdì è chiamato a scegliere il prossimo presidente arriva da anni molto difficili economicamente. Il potere d’acquisto della classe media è crollato e c’è chi si arrangia con il mercato nero della compravendita di valuta   di

Marta Allevato inviata a Teheran

© AGI – Gente in fila ai cambi valuta di via Ferdowsi a Teheran

In via Ferdowsi, l’hub dei cambi valuta di Teheran, Kazem è appostato sotto il sole cocente con la sua moto e un borsello a tracolla pieno di dollari e rial, la valuta iraniana. Da tre mesi, questo è il suo ‘ufficio’: 40 anni, di professione è elettricista, ma il lavoro scarseggia e per arrivare a fine mese si è messo nel mercato nero della compravendita di valuta: grazie ai margini che fa, speculando sulla volatilità del rial, riesce a mantenere una moglie e un figlio.

Vendere e comprare dollari per salvare i propri risparmi è un’attività comune per gli iraniani – da decenni alle prese con una moneta instabile, in un Paese dipendente dalle importazioni – ma la grave crisi economica degli ultimi tre anni ha trasformato questo tipo di attività in una fonte primaria di guadagni. L’Iran che venerdì è chiamato a scegliere il prossimo presidente arriva da anni molto difficili economicamente.

“Il 2018 e il 2019 sono stati il risultato della reintroduzione delle sanzioni americane e hanno portato a un significativa svalutazione del rial, arrivato a perdere oltre il 60% del suo valore, ad un’inflazione con picchi superiori al 40% e a una bassa crescita economica”, spiega all’AGI Esfandyar Batmanghelidj, visiting fellow allo European Council on Foreign Relations.

A tutto questo, nell’ultimo anno, si è aggiunto anche l’impatto della pandemia di Covid-19 che ha fatto aumentare la disoccupazione. A farne le spese sono state soprattutto le famiglie della classe operaia e della middle class, il cui potere d’acquisto è crollato. In Iran, si dice che per capire coma va la politica basta guardare a quanto viene scambiato il rial sul dollaro: “Ai tempi dello scià, il cambio era a 70 e dopo la Rivoluzione è sempre e solo salito”, si lamenta Mustafa, che ha un negozio di argento e bigiotteria.

A luglio 2015, appena firmato l’accordo sul nucleare che ha portato alla revoca delle sanzioni e aveva fatto sperare in una stagione di sviluppo e benessere, poi annullata dalla politica di massima pressione di Trump, un dollaro veniva comprato per 32.000 rial.

Oggi a via Ferdowsi i cambi vendono un dollaro a 236.000 rial rispetto ai 300.000 di un mese fa e per questo molte persone sono corse ad approfittarne. “Quasi nessuno di loro, però, è in partenza per l’estero”, fa notare Reza, un trentenne che a fine mese è diretto in Canada per una borsa di studio e che chiede di non citare il suo cognome come molti iraniani disposti a parlare con la stampa straniera.

“La maggior parte della gente viene qui per speculare e arrotondare i propri guadagni e negli ultimi mesi sono sempre di più”, continua il giovane, “in molti pensano che dopo le elezioni presidenziali di venerdì, il dollaro salirà di nuovo e potranno così guadagnare qualcosa rivendendo”.

Chi ha le possibilità, inoltre, compra oro o investe nell’immobiliare contribuendo alla bolla dei prezzi che ha fatto salire alle stelle i prezzi delle case, buttando la gente fuori dal mercato.

La ripresa economica è al centro delle preoccupazioni di un elettorato per lo più apatico e frustrato rispetto alla politica, anche a causa delle mancate promesse di benessere fatte dal presidente uscente, il pragmatico Hassan Rohani. “Che voto a fare il presidente, se poi abbiamo la Guida Suprema che decide tutto?”, tuona Golnaz, architetta incinta di sette mesi, e secondo la quale nessuno della sua famiglia andrà a votare.

Amin ha 30 anni e fa l’insegnate, e vive con i genitori: “Devo trovarmi un secondo lavoro perché con i 100 dollari al mese che guadagno a scuola, per comprare la macchina più economica che c’è, mi servono più di cinque anni di lavoro e per una casa almeno un secolo”. Con uno stipendio medio equivalente a 200 dollari, anche la carne a 7 dollari al chilo è diventato un bene di lusso. Per non parlare dei prodotti non essenziali come una tinta per i capelli di marca europea: un tubetto può arrivare a costare 41 dollari.

Sono, invece, addirittura introvabili ormai diversi pezzi di ricambio per elettrodomestici o computer, tutti d’importazione. Negli ultimi 6 mesi, si è però registrata una lieve crescita economica e le previsioni per il 2021 parlano di +1-3%. “Anche il tasso d’inflazione si sta abbassando”, fa notare Batmanghelidj, secondo il quale la spiegazione sta nel fatto che “il Paese sta tornando a lavoro dopo la pandemia e l’economia si è adattata allo shock delle sanzioni”.

Ma c’è un problema: la ripresa economica non è abbastanza forte per permettere alle fasce più colpite di riguadagnare la posizione finanziaria ed economica pre-crisi. “Politicamente questa è una sfida importante”, conclude l’analista, “ma se ne è parlato poco nei dibattiti elettorali. Tra il 2017 e il 2019 si è assistito a scioperi e manifestazioni legati a istanze economiche e se questa frustrazione tra la popolazione persiste, potrebbe sfociare in nuove proteste; non penso saranno pericolose per la tenuta del regime, ma rifletteranno un significativo malcontento che la politica dovrà in qualche modo affrontare”. agi

Redazione

Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *