Clima. Rapporto Copernicus. Continua aumento gas serra e tendenza a riscaldamento

Clima. Rapporto Copernicus. Continua aumento gas serra e tendenza a riscaldamento

Pubblicato dal Copernicus Climate Change Service (C3S), lo Stato europeo del clima offre una panoramica annuale completa delle condizioni climatiche nel continente e nell’Artico. L’ultima edizione, rilasciata oggi, conferma il 2020 come l’anno più caldo mai registrato per l’Europa, con temperature invernali di oltre 3,4 ° C sopra la media. A livello globale, le concentrazioni di gas serra hanno continuato ad aumentare e sono state le più alte dall’inizio dei record satellitari nel 2003.

Un punto di riferimento fondamentale per le future valutazioni del clima, il rapporto di punta del C3S presenta informazioni chiare e di alta qualità sulle tendenze climatiche al fine di supportare il processo decisionale basato sull’evidenza. “L’analisi dell’interazione di variabili come la temperatura, il ghiaccio marino, le precipitazioni, lo scarico dei fiumi o l’umidità del suolo sottolinea l’importanza di monitorare tutte le parti del nostro sistema climatico, per comprendere le tendenze climatiche in evoluzione”, spiega il Direttore di C3S, Carlo Buontempo. Aggiunge: “È più importante che mai utilizzare le informazioni disponibili per agire, mitigare e adattarsi ai cambiamenti climatici e accelerare i nostri sforzi per ridurre i rischi futuri”.

L’elevata temperatura annuale registrata per l’Europa nel 2020 è stata determinata in parte da condizioni invernali e autunnali eccezionalmente calde, in particolare nelle parti nord-orientali e orientali. Anche l’estate è stata più calda della media, ma le ondate di caldo estivo sono state meno intense, diffuse e prolungate rispetto agli ultimi anni.

I gas serra continuano a aumentare, e non si placa la tendenza al riscaldamento del Pianeta.  E’ stato “l’anno più caldo” mai registrato per l’Europa con “almeno 0,4 gradi sopra la media dei 5 anni più caldi (tutti nell’ultimo decennio)”; temperature bollenti in autunno, e soprattutto in inverno (3,4 gradi sopra la media). Da record i livelli delle precipitazioni. Nella Siberia artica il 2020 è stato l’anno più caldo di sempre. L’effetto Covid porta a “leggere riduzioni” delle emissioni causate dall’uomo.

I gas serra come l’anidride carbonica, il metano e il protossido di azoto intrappolano il calore vicino alla superficie terrestre; maggiore è la loro concentrazione nell’atmosfera, più calda è la temperatura sulla Terra. L’enorme impatto sulla società delle misure emanate per contenere la diffusione del COVID-19 ha portato a una leggera riduzione delle emissioni, in parte il motivo per cui le concentrazioni di anidride carbonica sono aumentate a un ritmo di cambiamento più lento rispetto a quello registrato negli ultimi anni. Tuttavia, le concentrazioni atmosferiche sia di anidride carbonica che di metano nel 2020 erano ai massimi da quando sono iniziate le registrazioni satellitari nel 2003, mostrando una continuazione dell’aumento in corso.

Nonostante un inizio a freddo, il 2020 è stato il secondo anno più caldo mai registrato per l’Artico, con una temperatura superficiale annuale di 2,2 ° C superiore alla media 1981-2010. Parti dell’Artico – la Siberia artica e i mari adiacenti – hanno visto le più grandi anomalie di temperatura annuali ovunque sulla Terra nel 2020, registrando oltre 6 ° C sopra la media. In primavera e in autunno, la copertura nevosa è stata ridotta da queste temperature superiori alla media, contribuendo potenzialmente alle condizioni più calde: le superfici più scure prive di neve assorbono più energia solare, formando un ciclo di feedback climatico che porta a un maggiore riscaldamento.

Redazione

Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *