Accusato di aver criticato Ali Khamenei, il regista Nourizad torturato in carcere

Accusato di aver criticato Ali Khamenei, il regista Nourizad torturato in carcere

Il regista dissidente Mohammad Nourizad incarcerato per le sue critiche alla Guida suprema Ali Khamenei, è gravemente malato in prigione dopo la tortura che avrebbe incluso molteplici iniezioni di una sostanza sconosciuta nei suoi genitali, ha accusato Amnesty International. 

Nourizad, che ha scritto e diretto diversi film, ha scontato dall’agosto 2019 una pena detentiva per un totale di oltre 17 anni con l’accusa di aver insultato il leader supremo Ayatollah Ali Khamenei, secondo Amnesty International.
Amnesty ha detto che la sua salute si è deteriorata nella prigione di Evin a Teheran a causa del “prolungato rifiuto di accesso a cure mediche specialistiche adeguate per le sue malattie cardiache e il diabete”.


I medici hanno chiesto che venga ricoverato in ospedale per il trattamento di una condizione cardiaca, ma le autorità lo hanno rifiutato finora, ha aggiunto il gruppo per i diritti.
“Le autorità iraniane stanno crudelmente giocando con la vita di” Nourizad. 
Amnesty ha citato una lettera che Nourizad aveva scritto da Evin ad aprile in cui descriveva come gli era stata iniettata una sostanza sconosciuta “otto volte nel mio pene”.
“Ho scritto immediatamente una lettera al capo della prigione chiedendomi di essere urgentemente inviato all’Organizzazione di Medicina Legale per un esame al fine di rivelare quale sostanza mi fosse stata iniettata otto volte. Da allora non ho più avuto sue notizie “, ha detto.


Amnesty International ha affermato di essere inorridita dal fatto che “sia stato sottoposto a tortura e altri trattamenti crudeli, inumani e degradanti, comprese la violenza sessuale e la somministrazione forzata di sostanze chimiche”.
Ha anche affermato che la mancanza di attenzione da parte delle autorità ha portato Nourizad a ricorrere all’autolesionismo in una richiesta di risposta alle sue richieste.
Sua figlia ha detto in una registrazione pubblicata online che alla fine della loro visita in prigione nel marzo 2021 suo padre ha praticato tagli al viso, alla testa e al collo con un rasoio, provocando forti emorragie.
Nel frattempo, le autorità hanno anche arrestato suo figlio, Ali Nourizad e lo hanno condannato a tre anni e mezzo di carcere, ha detto Amnesty, denunciando “un tentativo di esercitare ulteriori pressioni su Mohammad Nourizad”.(Agenpress)

Redazione

Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *