Turismo delle radici in Valle D’Aosta: Un paesaggio da cartolina, Montjovet e le sue frazioni

Turismo delle radici in Valle D’Aosta: Un paesaggio da cartolina, Montjovet e le sue frazioni

Incastonato nella splendida vallata compresa tra il Mont Avic e il Mont Lyan, lungo le coste del fiume Dora Baltea che attraversa l’intera regione, ecco che ci si imbatte nel grazioso comune di Montjovet. Uno dei paesi più importanti dell’intera regione, compreso tra i comuni di Verrès e di Saint-Vincent, nonché una tappa obbligatoria nella rotta che collega il nostro Paese alle vicine Francia e Svizzera. A rendere Montjovet una realtà unica nel suo genere, oltre allo splendido contesto paesaggistico nel quale si inserisce, è la sua grande estensione: il comune conta più di 50 frazioni e piccoli villaggi all’interno del suo territorio, alcuni ancora abitati.

Sebbene alcune tracce e ritrovamenti indichino che la zona era stata già abitata in epoca preistorica, fu durante l’età romana e, soprattutto, medievale che il comune conobbe il suo massimo splendore. Tesori tramandati di questa preziosa eredità sono due splendide rocche, che si aggiungono alla lista dei Castelli più belli che si possono trovare lungo tutta la regione: il Castello di Saint Germain, edificato nel medioevo dai De Mongioveto e ceduto nel XV secolo al duca Amedeo VIII di Savoia, e il Castello di Chenal, situato poco più a nord del primo, arroccato sulla cima di uno sperone roccioso.

Oltre alle imponenti fortificazioni, il territorio di Montjovet nasconde tra i suoi domini anche numerosi edifici storici e chiesette. Ecco quindi che addentrandosi nel Borgo, è possibile ammirare ancora oggi i resti di un’antica casa cinquecentesca, realizzata in perfetto stile gotico, e quel che rimane dell’antica Via delle Gallie, risalente all’epoca romana. Per concludere, una visita è doverosa anche ad alcune delle chiese e parrocchie dislocate lungo tutte le sue frazioni. Tra queste sono imperdibili la Parrocchia della Natività della Vergine Maria, costruita nel XIX secolo, e la Parrocchia di Saint Germain, a pochi passi dall’omonimo castello.

COME ARRIVARE: Dalla città di Aosta, Montjovet e le sue frazioni sono facilmente raggiungibili seguendo la SS26 in direzione sud, superando i principali comuni della regione che costeggiano la Dora Baltea, in direzione di Montjovet.
ALTRI LUOGHI DA VISITARE: Oltre agli splendidi manieri e cappelle che costellano il territorio, il comune di Montjovet offre dei paesaggi naturalistici da magnifica bellezza. Ne sono un esempio il suggestivo Bosco di Arlaz, con i suoi abeti rossi, o lo spettacolare sentiero che porta al Lago di Villa, raggiungibile dalla frazione di Barmachande. Per gli amanti dell’alta quota da non perdere anche il Parco del Mont Avic. (9colonne)
http://www.comune.montjovet.ao.it/home.html

Redazione

Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *