Turismo delle radici in Sicilia: Salemi, la “Città dei Pani” ai piedi della Valle del Belice

Turismo delle radici in Sicilia: Salemi, la “Città dei Pani” ai piedi della Valle del Belice

Al centro della provincia di Trapani, nel cuore della Valle del Belice, sorge Salemi, piccolo borgo a 440 metri sul livello del mare. Città medievale seconda solo a Erice per importanza storica in Sicilia, si leva tra le colline degradanti coltivate a vigneti e uliveti, e si raccoglie intima intorno al castello medievale dal cui terrazzo merlato della torre circolare è possibile assistere ad uno dei panorami più belli del sud Italia: uno spettacolo unico, che dalla Sicilia occidentale giunge fino al mare.

Nel centro storico si trovano gli antichi palazzi realizzati nella locale pietra campanella, meglio conosciuta come “la pietra campanedda”, una pietra unica al mondo, persino iscritta dal 2012 nel Registro delle Eredità Immateriali dell’UNESCO: il suo nome ha origine dal rumore emesso dallo scalpellino quando batte la pietra, la quale appunto suona come una campanella. Estratta fin dagli anni ’50 dalle cave e dalle grotte situate nella contrada Pizzolungo, poco distante dal paese e a ridosso della montagna, è un bene culturale che costituisce una testimonianza materiale avente valore di civiltà.

Il profumo di pane si espande lungo le strade di Salemi: non per altro è definita come la “Città dei Pani” proprio per la tradizionale lavorazione legata alla festa del santo patrono della città, San Nicola di Bari, e di San Giuseppe, durante le quali si fanno le tradizionali “Cene”. Inoltre, anche se per un giorno, Salemi è stata prima capitale di Italia: nella Piazza del municipio, denominata “Dittatura” in ricorrenza dell’evento, una lapide ricorda che in quella data Giuseppe Garibaldi arrivò a Salemi dichiarandosi dittatore del Regno delle Due Sicilie. In quell’occasione l’Eroe dei Due Mondi issò, da sé, sulla cima della torre cilindrica del castello Normanno-Svevo la bandiera tricolore proclamando Salemi la prima capitale d’Italia.

COME SI ARRIVA: Da Agrigento, percorrere la SS 115. Immettersi nell’autostrada A29 in direzione Palermo fino all’uscita di Salemi. Da qui percorrere 5 km per raggiungere la città. Da Trapani, percorrere lo scorrimento veloce per Marsala e svoltare per la statale 118 in direzione Salemi. Da Palermo, percorrere l’A29 in direzione Trapani – Mazara del Vallo fino all’uscita per Salemi.

ALTRI LUOGHI DA VISITARE: A poco più di mezzora di distanza da Salemi si trova Marsala, città intrisa di storia e di mare, situata nel lembo più occidentale della Sicilia. Inoltre, con i suoi ottomila ettari di vigneti, Marsala alimenta l’industria del vino: ammonta a oltre un milione di ettolitri l’anno la produzione di bianchi, rossi e liquorosi, tra cui lo stesso marsala. (9colonne)
https://www.cittadisalemi.it/it

Redazione

Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *