La storia di Federico dall’erasmus fino all’Australia

La storia di Federico dall’erasmus fino all’Australia

“La curiosità di esplorare il mondo mi ha spinto a essere dove sono oggi”. Si racconta così Federico Triolo, 31enne originario di Rovetta, che sin dai tempi dell’università ha iniziato a viaggiare e ora, dal 2017, vive oltreoceano, in Australia. “Il mio percorso di studi – racconta a L’Eco di Bergamo nell’edizione del weekend – rispecchia una curiosità per l’oltre confine. Infatti, credo che uno dei modi più profondi che abbiamo per conoscerci sia quello di misurarci in diversi ambienti, l’ estero uno è di questi. Ho frequentato la triennale di Economia e commercio all’ Università degli studi di Bergamo.

Durante quel periodo volevo imparare l’ inglese e vivere all’ estero. Fortunatamente sono riuscito a ottenere una borsa di studio Erasmus per Cipro: un’ esperienza che mi ha profondamente cambiato e aperto gli occhi verso nuovi orizzonti. Da lì, l’ idea di fare un master all’ estero, in un Paese dove il livello di studi è alto, dove si potesse parlare inglese e le tasse universitarie fossero basse. Danimarca è stata la scelta e ho studiato Marketing, Globalization, and Culture.

Da lì ho ottenuto una borsa di studio per un semestre di scambio a Seoul, in Corea, prima di rientrare in Danimarca per terminare gli studi”. Dopo aver trascorso un periodo anche in Spagna, dove ha lavorato in una multinazionale operativa nell’ambito del marketing digitale, dal settembre 2017 si è trasferito nella terra dei canguri. Prima qualche mese nella capitale, a Sydney, e poi Melbourne, dove risiede attualmente. “Melbourne è una città molto viva – racconta a L’Eco di Bergamo il rovettese -, anche se è difficile essere lontano dall’ Italia e dai miei cari in questo momento storico è tra le nazioni ad aver sofferto di più per la pandemia, e spero di trovare una situazione migliore quando tornerò. In questo momento non mi chiedo per quanto resterò in Australia, sto bene qui, è un posto in cui mi sento felice”.

Redazione

Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *