La seminatrice ciociara della Francia

La seminatrice ciociara della Francia

Tutti i francesi di Francia e dei loro territori  nel mondo conoscono  la Marsigliese, la presa della  Bastiglia, Coluche e anche la Semeuse ossia la Seminatrice.

Chi è la Seminatrice? Se si ha la possibilità di scorrere tra le mani le monete francesi d’argento degli inizi del secolo oppure di osservare i francobolli che per molti anni si impiegavano per la corrispondenza o se si osserva l’Euro francese  di oggi, si scoprirà che la Seminatrice famosa è  la ragazza che con gli abiti svolazzanti e un copricapo in testa getta e spande la semenza attorno nei campi: una immagine cara a tutti i francofoni. E vi è anche una bella storia dietro alla immagine. 

Ci troviamo a Parigi alla fine del 1800 e lo scultore  Oscar Roty ha ricevuto dal Governo l’incarico di proporre una immagine per la nuova monetazione  da immettere in pubblico. L’artista, pur essendo esperto del settore e con già altri lavori eseguiti per il Governo, comprende la importanza del nuovo incarico e si mette alla ricerca non agevole di un soggetto e di una immagine da proporre. Un giorno, in giro per  Montparnasse, quartiere celebre di Parigi,  scorge un assembramento di donne ed è attirato dagli abiti curiosi che in gran parte indossavano: erano modelle quasi tutte ciociare in attesa dei pittori o scultori o fotografi  che le assoldavano, come era prassi: infatti le modelle e i modelli, ciociari e non, si riunivano in luoghi ben noti e in giorni precisi.  Lo sguardo si posa su una ragazzina, di  circa tredici-quattordici anni, già pienamente formata, nel suo abito ciociaro, piccolina di altezza, circa 1,55 m: lo scultore ne resta colpito e immediatamente ritiene d’aver trovato il soggetto sul quale lavorare. Si mettono d’accordo sulla tariffa, ecc. e iniziano le pose nello studio dell’artista.

Stiamo parlando di Rosalina Pesce originaria di un paesino della Ciociaria, emigrata  a Parigi da pochi anni  con la famiglia. Nelle mie ricerche ho avuto la ventura di entrare in contatto con un signore pure dei luoghi,  Mario Franciosa, residente in un sobborgo di Parigi che negli anni ’50 frequentò Rosalina che all’epoca  abitava ancora con la vecchia madre in un cortile  dietro un albergo, l’Hotel de Paris, ancora sul posto, a Montparnasse: e da questo signore appresi qualche dettaglio sul rapporto avuto da Rosalina con lo scultore Roty: ebbero luogo  parecchie sedute e fruttò alla modella una bella cifra, a quell’epoca. Mi riferì  che l’artista per ottenere quell’effetto di abiti svolazzanti,  le faceva  indossare degli abiti leggeri anche un pò bagnati e poi con l’aiuto di un rudimentale ventilatore otteneva quell’effetto ricercato. La cosa andò avanti per alcune sedute e alla fine la povera Rosalina si prese quasi una bella polmonite!

Mi colpì anche il particolare  che, negli anni successivi, ogni tanto andavano da lei i pittori per disegnare i suoi piedi soprattutto! Rosalina, stando ai documenti fotografici rinvenuti, era stata anche  modella alla Accademia di Belle Arti di Parigi e di altri artisti ma preferì successivamente optare per i servizi domestici perché non amava posare nuda. Rimase sempre analfabeta  ed illetterata tutta la vita. Quando venne il momento  si ritirò in una casa per vecchi, sempre a Montparnasse.

Intanto il progetto di Oscar Roty fu approvato dal Governo e quindi la Francia fu sommersa  di monete d’argento con la immagine della Seminatrice, poi per altri anni sui francobolli e il termine ‘Semeuse’ divenne patrimonio generalizzato. La sua immagine era presente anche sulla monetazione fino all’arrivo dell’Euro. La nemesi volle che non solo non si conoscesse chi era stata la modella, ma che si cominciasse a parlare di altre possibili modelle. Le pubbliche istituzioni come pure la Zecca francese nulla sapevano, o volevano sapere,  di Rosalina. Iniziai da parte mia uno scambio di note e di chiarificazioni con i responsabili del Museo Roty: infatti nelle ultime decadi all’artista fu eretto  un apposito museo. E i responsabili continuavano a pubblicare la loro ipotesi. Fu dopo qualche anno  che si convinsero, alla luce di prove concrete, che erano in errore e approfondendo e ampliando loro stessi le loro ricerche documentarie pervennero al convincimento  che effettivamente la modella della Semeuse fu ‘une petite italienne’  di nome Rosalina (che loro chiamano Rosalinda)! E questo è quanto appare  anche nel sito del museo Roty.  

Il Signor Mario Franciosa, di cui più sopra, mi raccontava anche un altro episodio. Ogni giorno Rosalina per ragioni di lavoro passava davanti alla maestosa scultura di Rodin che illustra Balzac, situata all’incrocio tra Boulevard du Montparnasse  e Boulevard Raspail, di fronte al caffè Charivari e a quello ancora più famoso e antico  La Rotonde e  il cuore sempre le  balzava in  petto, commossa: e la ragione era, altro miracolo incredibile, che il modello, cioè il volto del grande scrittore Honoré de Balzac della scultura di Rodin era quello di Celestino, il padre di Rosalina! Quando a Parigi si vada ad  ammirarlo: quel volto solcato dalle rughe, dal lavoro, dai sacrifici, gli occhi incavati che guardano lontano, i capelli al vento…è Celestino diventato  il grande Balzac!

E le istituzioni  nostrane? E i politici? Anche i fratelli francesi ignorano queste due pagine della storia, di Celestino e di Rosalina.

 Michele Santulli

redazione@corrierenazionale.net

Redazione

Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *