I primi sette astronauti della storia

I primi sette astronauti della storia

Il 9 aprile 1959 la Nasa presenta alla stampa i primi astronauti della storia: Scott Carpenter, L. Gordon Cooper, John Glenn (nella foto), Virgil “Gus” Grissom, Walter Schirra, Alan Shepard e Donald Slayton. Sono i pionieri del Progetto Mercury, il primo programma spaziale americano con equipaggio. E’ la risposta data alla prima vittoria colta dall’Unione Sovietica – con il lancio il 4 ottobre 1957 del primo satellite artificiale, lo Sputnik – nella “corsa allo spazio” che, per un decennio, vedrà rivaleggiare le due potenze mondiali (e che finirà per essere vinta dagli Stati Uniti con l’allunaggio del 1969). La selezione dei primi astronauti Nasa, iniziata a gennaio, aveva visto in campo ben 508 piloti collaudatori militari, ben presto scesi a 110 candidati, quindi a 36, infine a 32 candidati. La rosa che ha dovuto affrontare le prove più difficili, nei Wright Laboratory di Dayton, per sei giorni e tre notti, calò subito al numero ancora più ristretto di 18 candidati.

Le prove erano estreme: ad esempio si doveva resistere per due ore in un ambiente riscaldato a 130 gradi Fahrenheit o per un’ora in una camera a pressione che simulava una altitudine di 65.000 piedi. Tra i sette selezionati c’era appunto John Glenn che, il 20 febbraio 1962, diverrà il primo americano ad orbitare intorno alla Terra (per tre volte). L’Urss aveva infatti da poco segnato un nuovo colpo nella sfida spaziale: il primo uomo a girare intorno al nostro pianeta era stato infatti il cosmonauta sovietico 27enne Yuri Gagarin il 12 aprile 1961, a bordo della navicella Vostok 1, rimasto nello spazio per un’ora e 48 minuti (conquistandosi così il privilegio di vedersi murare le proprie ceneri nella cinta del Cremlino). Un duro colpo per gli Stati Uniti, che stavano preparandosi al debutto nei viaggi spaziali con equipaggio.

Poco dopo, infatti, il 5 maggio 1961, Alan Shepard compì il suo primo volo suborbitale. Ma già ad agosto la Nasa dovette inghiottire un altro boccone amaro quando il cosmonauta russo Gherman Titov, sulla Vostok 2, effettuò 17 orbite rimanendo oltre 25 ore nello spazio. Glenn non passerà quindi alla storia come il primo uomo in orbita intorno alla Terra ma lo diverrà come astronauta più anziano. Il 29 ottobre 1998, 36 anni dopo il suo primo volo spaziale, a 77 anni, farà parte dell’equipaggio dello Space Shuttle Discovery nell’ambito di un programma di studio sui processi di invecchiamento.

9Colonne –

Redazione

Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: