L’orrore dell’omicidio di Khashoggi raccontato dai testimoni

L’orrore dell’omicidio di Khashoggi raccontato dai testimoni

– Nell’udienza del processo per l’assassinio del giornalista saudita Jamal Khashoggi, sono stati ascoltati tre testimoni, mentre i 26 imputati vengono giudicati in contumacia. L’autista del consolato, Edip Yilmaz, ha ricordato che nel giorno della sparizione del giornalista lui e altri impiegati turchi furono chiusi in una stanza del consolato e lasciati ad aspettare per l’intera giornata.

“Ebbi l’impressione che qualcosa di anomalo stesse accadendo”, ha ricordato Yilmaz. Un altro testimone ascoltato è stato Hikmet Cetinkaya, che accompagnò il presidente della Turkish-Arab media association Turan Kislakci, grande amico di Khashoggi, presso il consolato saudita il giorno dopo la scomparsa del giornalista.

“L’addetto al parcheggio si avvicinò dicendomi che non potevo sostare. Io gli chiesi che fine avesse fatto Khashoggi, c’erano telecamere dappertutto. Quello mi rispose ‘possono anche averlo fatto a pezzi e fatto sparire’. Rimasi senza parole”, ha ricordato Cetinkaya.

L’addetto alla sicurezza dell’ex console saudita Mohammed al-Otaibi, ha ricordato di aver avuto due giorni liberi, non richiesti, quando il giornalista è stato fatto sparire.

La fidanzata del giornalista, Hatice Cengiz, ha chiesto al giudice che il rapporto Usa in cui si indica nel principe Mohammed Bin Salman (MBS) il mandante dell’omicidio venisse incluso nel fascicolo del processo. Richiesta non accolta, perché ritenuta ininfluente ai fini del giudizio.

Lo scorso luglio era iniziato a Istanbul un processo in contumacia contro 20 persone, tutte accusate di far parte del team di sicari che fece sparire nel nulla il giornalista e dissidente, nemico del principe Mohamed Bin Salman.

Tra gli imputati, anche l’ex consigliere di MBS, Saud al-Qahtani e l’ex numero 2 dell’intelligence Ahmed al-Assiri. A fine settembre la procura della metropoli sul Bosforo ha presentato dei capi di imputazione nei confronti di altri 6 sospetti.

Tra i nomi spicca quello dell’ex vice console del Regno, per cui si chiede l’ergastolo con l’accusa di “omicidio premeditato commesso con modalità crudeli”. Nella lista degli imputati altri 4 dipendenti della rappresentanza saudita in Turchia con l’accusa di occultamento delle prove.

Un processo farsa per la morte di Khashoggi si è svolto a porte chiuse in Arabia Saudita, conclusosi la scorsa estate con pene tra i 7 e i 20 anni inflitte a 8 persone di cui non sono stati rivelati i nomi.

Il giornalista è sparito nell’ottobre 2018 dopo aver varcato la soglia del consolato saudita a Istanbul, dove si era recato per ritirare dei documenti per sposare Hatice Cengiz.

Agi

Redazione

Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: