Profeti

Profeti

Di Giorgio Brignola

Il ventunesimo anno del nuovo millennio è contraddistinto da eventi che lasceranno il segno. In altri termini, questa Pandemia ha “invecchiato”, oltre ogni ragionevole profilo fisiologico, la nostra Italia. Invecchiata nelle Istituzioni, nelle leggi non varate, nelle ingiustizie, che hanno cambiato nome, ma che sono rimaste tali. In Italia, nel bene e nel male, i fatti non sempre rispettano la cronologia di quando sono maturati. Anche noi ne abbiamo preso atto. Quando sono solo le previsioni a contare, allora ci sentiamo d’esprimere qualche nostra valutazione. Parecchi problemi che credevamo d’esserci lasciati alle spalle, ci sono ancora tutti. Del resto, non ci sono razionali presupposti capaci di farci sperare per il meglio. Sopra ogni altra considerazione, resta una realtà che non riesce a evolversi. Dopo di tante, troppe, privazioni, una classe sociale è in via d’estinzione. Tra “ricchi” e “poveri”, non ci sono più classi intermedie. Senza dubbio, non c’è italiano che non abbia chiaro il concetto che abbiamo espresso. Certo è che la speranza, per qualcuno, resta l’ultima spiaggia da poter, in ogni modo, mettere in campo. Sbagliando da subito, ma non rinunciando a diffondere illusioni là dove servirebbero certezze. Per questo motivo, ci chiediamo perché fare delle promesse che già hanno la consistenza delle illusioni. Riformare, costi quel che costi, non è bastato per il passato e non basterà per il futuro. ”Buona Volontà” e “Fiducia” sono i mezzi ma non i fini da conseguire. Più che la carica di questi politici ”rampanti” ci servirebbe una maggiore coerenza su una struttura confusa con tante polemiche palesi o, peggio, celate.

Giorgio Brignola

Redazione@progetto-radici.it

Redazione

Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: