Montreal à l’italienne

Montreal à l’italienne

All’inizio del 20° secolo, una nuova ondata di immigrazione dall’Europa arrivò in Québec e a Montréal. Tra questi immigrati, migliaia di italiani arrivarono con le loro tradizioni, valori e costumi, formando una delle più antiche ed importanti comunità culturali di immigrati a Montréal.
Per mostrare il suo importante contributo alla vita economica, sociale e culturale di Montréal, così come l’ingegnosità, il talento e la resilienza di questa comunità, il museo Pointe-à-Callière, grazie al supporto dell’Istituto Italiano di Cultura, presenta la mostra “Montréal à l’italienne”, in programma dal 10 marzo e sino al 9 gennaio 2022.
La mostra si concentrerà sulla vita quotidiana dei primi immigrati italiani a Montréal e sull’evoluzione che questa comunità ha subito nel secolo scorso. Per questa mostra, sono soprattutto i montrealesi ad affidare a Pointe-à-Callière i loro tesori di famiglia; oggetti riportati dall’Italia o realizzati qui a ricordo della vita vissuta. Non mancheranno oggetti che ovviamente illustreranno le tradizioni culinarie, ma rappresentano anche aziende emblematiche, eventi importanti o membri della comunità che si sono distinti nell’arte, negli affari o nello sport. Fotografie storiche, documenti audiovisivi e documenti d’archivio scandiranno i momenti salienti, a volte molto toccanti, vissuti dalle prime generazioni di immigrati.
Il Museo ha realizzato una mostra che incontra gli italo-montrealesi, che mette le persone al centro della storia e che si traduce nel notevole contributo dei membri della comunità alla vita di Montréal. Grazie a proiezioni, audiovisive e produzioni teatrali, questa mostra vi immergerà nel cuore delle loro azioni e dei loro risultati in tutti i campi. Soprattutto, questa mostra porterà i visitatori in luoghi che hanno definito e ancora contraddistinguono questa comunità, come il lavoro sulle ferrovie e nel settore delle costruzioni, i caffè, come luogo privilegiato di socializzazione, la casa e le sue tradizioni culinarie e la chiesa come luogo di incontro.

Aise

Redazione

Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: