Londra: il progetto “Performing Italy”

Londra: il progetto “Performing Italy”

L’Italia è il secondo paese d’Europa per numero di stranieri residenti (5,3 milioni al 1 gennaio 2019, di cui 3,7 milioni di cittadini extra-UE, fonte Eurostat). Nel nostro paese studiano, lavorano e vivono stabilmente milioni di migranti di prima, seconda o anche terza generazione: molti di loro hanno ottenuto la cittadinanza italiana, molti altri no, compresi giovani che sono cresciuti e hanno frequentato le scuole in Italia. Eppure, sui palchi e dietro le quinte del teatro italiano c’è ancora scarsa consapevolezza di questa realtà.

bintou


Per indagare il tema delle identità culturali e raccontare l’Italia che sta cambiando, l’Istituto Italiano di Cultura di Londra presenta la web serie “Performing Italy”: sette giovani teatranti italiani con un passato migratorio – di prima o seconda generazione, o con radici miste – condividono le proprie storie, i propri percorsi artistici e i progetti futuri, in altrettanti video ritratti.

“Performing Italy” amplifica le voci di una selezione di cosiddetti “nuovi italiani” che si dedicano alle professioni teatrali nel nostro paese, offrendo uno sguardo inedito sul loro essenziale contributo artistico e proponendo una missione cruciale per il teatro e la performance: mettere in scena l’Italia di oggi.
 

yang


Il programma

I video ritratti (15’ circa, in italiano con sottotitoli in inglese) saranno disponibili sul canale Vimeo dell’Istituto Italiano di Cultura di Londra secondo questo calendario.
21 gennaio | Shi Yang Shi

28 gennaio | Bintou Ouattara

04 febbraio | Marcela Serli

11 febbraio | Alberto Lasso

18 febbraio | Miriam Selima Fieno

25 febbraio | Abdoulaye Ba

04 marzo | Thaiz Bozano


A cura di Margherita Laera, University of Kent
In collaborazione con Alberto Lasso, Carla Peirolero e Oliviero Ponte di Pino

Riprese e montaggio di Nicola Giordanella | Sottotitoli inglesi di Corina Gabualdi | Una produzione di Suq Genova Festival e Teatro

performing italy locandina

Redazione

Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *