Perché il Libano è una necessità europea

Perché il Libano è una necessità europea
Tota Pulchra International Libano

17 ottobre 2020. Commemorare il 17 ottobre 2019. Foto Georges ZAHAR.

Il Libano è un Paese di 10 452 km2, una popolazione stimata in 5,5 milioni, composto da 19 comunità religiose diverse, 4 gruppi etnici distribuiti nella sua geografia con oltre 20 microclimi. La lingua ufficiale è l’arabo, ma la maggior parte dei libanesi impara a parlare e pensare in francese, inglese e arabo. Gli armeni libanesi usano anche la lingua armena nella loro vita quotidiana mentre la chiesa maronita continua a usare la lingua arameica nella loro messa in chiesa e impara l’italiano nella loro scuola di 400 anni a roma e, ultimo ma non meno importante, la comunità curda in Libano parla curdo.

Oltre alla sua organica complessità umana interna, il Libano è all’incrocio di 3 continenti [Africa, Asia ed Europa], quindi al centro della scena geopolitica regionale e internazionale. La recente scoperta di petrolio e gas nelle coste libanesi aggiunge alla nostra posizione geografica una nuova dimensione economica che accresce l’interferenza degli attori regionali e mondiali nei nostri affari interni.

Sulla base della storia moderna del Libano, la ricetta della guerra in Libano è nota; inizia con un gioco di potere interno tra leader politici che pretenderanno di difendere i diritti del rispettivo gruppo religioso, troveranno supporto per la loro lotta in attori sia regionali che / o internazionali. Questa combinazione di attori locali e regionali porta a interferenze e guerre internazionali.

Il Libano un tempo noto come la Svizzera del Medio Oriente ha oggi un sistema bancario in bancarotta, la lira libanese ha perso l’80% del suo valore rispetto al dollaro USA e l’inflazione ha raggiunto il 400% nel 2020. Il 4 agosto 2020, un’esplosione nel porto di Beirut, classificata come la più forte esplosione non nucleare della storia umana, ha distrutto metà della città di Beirut, ucciso 250 civili, ferito 6000 e lasciato 60 000 senzatetto.

Foto Georges ZAHAR.

L’attuale costituzione è una mutazione della III Repubblica francese. È una forma di governo centralizzata con alcuni poteri decentralizzati conferiti alle aree attraverso i comuni e altri funzionari. Così com’è, la nostra costituzione è una federazione personalizzata a livello di status personale. L’eredità e il matrimonio di un cittadino libanese rientrano nelle leggi della comunità religiosa a cui appartiene. Oltre alle leggi relative allo status personale, ogni comunità religiosa in Libano gestisce le proprie scuole, ospedali, università, club sportivi … insieme alle scuole pubbliche ufficiali, un’università e ospedali.

La costituzione prevede che le posizioni di alto livello nella Pubblica Amministrazione siano distribuite su base paritaria tra cristiani e musulmani [i 2 principali gruppi religiosi in Libano che si sono diffusi nelle 19 comunità].

Nell’ottobre 2019 il Libano è stato testimone della più grande protesta umana della sua storia. Si stima che circa il 20 per cento della popolazione, di tutte le comunità e in tutte le regioni, è scesa in piazza chiedendo le dimissioni e la responsabilità di tutti i partiti politici e leader esistenti.

Foto Georges ZAHAR.

In questa vasta geografia, il Libano e in particolare attraverso i suoi cristiani è un faro che ricorda a tutti che esiste un’alternativa politica alla manipolazione dell’ignoranza e della povertà da parte dell’estremismo religioso. n questa geografia, e ancor prima del monoteismo, siamo testimoni privilegiati di guerre e crimini commessi contro l’umanità in nome della legittimità divina! Restituiamo a Cesare ciò che appartiene a Cesare ea Dio ciò che appartiene a Dio “.

Il Libano prefigura ciò che potrebbe accadere in molti paesi, in particolare i rischi di attrito all’interno dell’Islam, nonché tra l’Islam e altre religioni, come il cristianesimo, il giudaismo, il buddismo e il confucianesimo. L’assenza di valori universali in politica avrà conseguenze disastrose. È giunto il momento per l’Italia e l’Europa di difendere con fermezza i valori che rappresentano. La convergenza è possibile e gratificante sia economicamente che a livello umano, a patto che sia affrontata con tutta l’intelligenza richiesta.

L’Europa non è solo uno spazio geografico, è per noi un ideale che deve essere assolutamente preservato dalla sua eredità fenicio-greco-romana ai suoi filosofi contemporanei. L’umanità gli deve molto, e soprattutto il suo attuale umanesimo. Sulle sponde orientali del Mediterraneo e in Libano in particolare, si trova il genesi e fratello mitologico dell’Europa, Cadmos, che per primo emigrò in Europa.

Foto Georges ZAHAR.

La sfida più grande che la civiltà occidentale dovrà affrontare è la convivenza pacifica, la convivenza senza volontà espansionistica, la convivenza e molti altri concetti e spiegazioni che seguono la giustapposizione politica e quella della convivenza sotto la stessa giurisdizione.

L’Europa nacque sulle rive della Fenicia, così come Marsiglia e Cartagine e molte altre stazioni commerciali fondate dai Fenici, e che furono i primi a capire lo scambio pacifico è meglio della guerra. È questa la tradizione che vogliamo perpetuare per promuovere gli scambi commerciali e culturali . La politica europea del vicinato deve essere rivista al fine di creare ricchezza che permetta ciò consentirebbe a ciascuno di rimanere dove è nato ed evitare emigrazioni così dannose per i migranti così come per i paesi ospitanti

Il Libano è un modello unico che potrebbe servire da esempio e svolgere ancora una volta il suo ruolo nella reinvenzione di un Mediterraneo più responsabile e più veloce nella marcia verso il progresso. Il nostro progetto politico, nell’ottica di conciliare individuo e Stato in un’economia sociale di mercato, è il frutto di un incrocio euromediterraneo, specifico del nostro territorio e del nostro genoma culturale.

Per raggiungere questo obiettivo, noi libanesi abbiamo bisogno che il nostro margine di libertà sia protetto e aumentato e per questo abbiamo bisogno del sostegno dei nostri amici.

Tremila anni fa, da questa stessa terra, dal Libano, i nostri antenati inventarono o propagarono l’alfabeto. Era lo strumento più importante per gli esseri umani, per comunicare e interagire in modo efficace al fine di capirsi e costruire l’umanità!

di Fadi F. KHOURY

Foto Georges ZAHAR

Redazione

Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: