‘Not as simple as it sounds’:öe istallazioni di Ivan Lupi alla Audio foundation di Auckland

‘Not as simple as  it sounds’:öe istallazioni di Ivan Lupi alla Audio foundation di Auckland

SYDNEY L’Istituto Italiano di Cultura di Sydney presenta, dall’11 al 20 febbraio, un progetto di forte impatto emotivo, pensato e realizzato da Ivan Lupi, artista italiano che vive a Wanaka, nell’isola meridionale della Nuova Zelanda. Si tratta di “Not As Simple As It Sounds”, una performance artistica di lunga durata – specialità in cui Lupi si cimenta abitualmente – che si terrà presso la Audio Foundation di Auckland.
“Not As Simple As It Sounds” invita gli spettatori a partecipare a un intimo e potente atto di elaborazione di lutto, dedicato ai circa 100.000 omosessuali arrestati, maltrattati e uccisi durante l’Olocausto.
Lupi sarà presente alla Audio Foundation per gran gran parte della mostra. Uno o più triangoli sonori saranno installati e l’artista interagirà con i triangoli che compongono l’installazione percuotendoli nel tentativo di raggiungere 100.000 tocchi durante i 6 giorni (11-13 e 18-20 febbraio, dalle 12 alle 17) di durata della performance.
Gli spettatori saranno invitati ad essere parte attiva della performance entrando nello spazio ove gli oggetti saranno sospesi e unirsi all’artista nell’attivazione dell’opera con l’atto di suonare i triangoli stessi.
Attraverso l’attivazione partecipativa, questa installazione diventa un dispositivo commemorativo, sviluppando un paesaggio sonoro in evoluzione con ogni nuova nota aggiunta e alla fine esprimendo uno sforzo comunitario premuroso in memoria di coloro che sono stati perseguitati e uccisi negli anni ’30 e ’40.
Ivan Lupi (1972, Ferrara) ha ottenuto un Master in Queer Studies in Arts and Culture presso l’Università di Birmingham e dal 2001 è uno dei fondatori e membri attivi del collettivo AMAE, con il quale ha preso parte a diverse collaborazioni e mostre in Europa, Cina e Regno Unito. Nel 2016 Lupi ha avviato una propria produzione che, da quel momento, lo ha portato a presentare il suo lavoro in Francia, Germania, Svizzera, Lituania, Stati Uniti, India, Sud Africa, Canada e Nuova Zelanda.
La performance a Auckland verrà inaugurata il 10 febbraio alle 17.30 presso la Audio Foundation. Gli orari per i visitatori: dall’11 al 13 febbraio e poi dal 18 al 20 febbraio dalle 12,00 alle 17,00. Per ulteriori e approfondite informazioni si può visitare il sito
www.audiofoundation.org.nz.

Redazione

Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: