Egitto.100 ong a Onu, annientati i diritti umani. Serve azione coraggiosa contro Al Sisi

Egitto.100 ong a Onu, annientati i diritti umani. Serve azione coraggiosa contro Al Sisi

 La comunità egiziana per i diritti umani sta affrontando l ‘“annientamento” da parte del governo del presidente Abdel Fattah al-Sisi, più di 100 organizzazioni leader per i diritti umani di tutto il mondo hanno messo in guardia oggi in una lettera ai ministri degli esteri .

I gruppi hanno invitato i governi a guidare e sostenere la creazione di un meccanismo di monitoraggio e rendicontazione sulla situazione dei diritti umani in continuo deterioramento in Egitto durante la prossima 46a sessione ordinaria del Consiglio dei diritti umani delle Nazioni Unite, prevista per il 22 febbraio 2021. un meccanismo di monitoraggio e segnalazione servirebbe come un passo importante per aumentare il profilo delle violazioni e dei crimini commessi, fornendo rimedi ai sopravvissuti e alle famiglie delle vittime, scoraggiando ulteriori abusi e stabilendo percorsi per la responsabilità.

“I governi del Consiglio dei diritti umani delle Nazioni Unite dovrebbero inviare il messaggio in ritardo al governo egiziano che gli abusi sono e saranno monitorati e segnalati, e che i coraggiosi egiziani che affrontano l’oppressione ogni giorno non sono soli nella loro lotta”, ha detto John Fisher, Direttore di Ginevra presso Human Rights Watch.PUBBLICITÀ

Dieci anni dopo la rivolta nazionale egiziana del 2011 che ha destituito il presidente Hosni Mubarak, gli egiziani vivono sotto un governo repressivo che soffoca ogni forma di dissenso e di espressione pacifica. Le ultime settimane hanno dimostrato che l’azione collettiva è possibile e può avere un impatto. “Solo attraverso un’azione internazionale sostenuta e impegnata possiamo garantire la sopravvivenza del movimento egiziano per i diritti umani nel prossimo periodo”, hanno detto i gruppi.

Secondo i gruppi che hanno aderito alla lettera, la lotta per i diritti umani in Egitto è in un “momento critico”. L’inazione dei partner egiziani e degli Stati membri del Consiglio dei diritti umani ha incoraggiato il governo egiziano “nei suoi sforzi per mettere a tacere il dissenso e schiacciare la società civile indipendente”.

I recenti arresti e le indagini scioccanti di alti funzionari dell’Iniziativa egiziana per i diritti personali (EIPR) e il congelamento dei loro beni in procedimenti abusivi di fronte a un “circuito terroristico” di un tribunale penale rappresentano un ” attacco aberrante e inaccettabile” contro un delle più importanti organizzazioni per i diritti umani nel paese. Dimostra la determinazione del governo egiziano a intensificare i suoi attacchi continui, diffusi e sistematici contro i difensori dei diritti umani e lo spazio civico .

Dopo la destituzione dell’ex presidente Mohamed Morsy dal potere nel luglio 2013, le autorità egiziane hanno intrapreso un processo sempre più brutale repressione dei difensori dei diritti umani e dei diritti civili e politici più in generale. Migliaia di egiziani, tra cui centinaia di difensori dei diritti umani, giornalisti, accademici, artisti e politici sono stati detenuti arbitrariamente , spesso con accuse penali abusive o attraverso processi iniqui.

Le forze di sicurezza egiziane li hanno sistematicamente sottoposti a maltrattamenti e torture . Gli esperti delle Nazioni Unite hanno avvertito che condizioni di detenzione catastrofiche hanno messo in pericolo la vita e la salute dei detenuti. Altri attivisti pacifici sono stati fatti sparire con la forza. Quello che è successo ad alcuni di loro non è mai stato rivelato.  

“Il popolo egiziano ha già vissuto sotto governi dispotici, ma gli attuali livelli di repressione in Egitto non hanno precedenti nella sua storia moderna”, ha detto Bahey el-Din Hassan, direttore dell’Istituto del Cairo per gli studi sui diritti umani. “Le conseguenze sono potenzialmente terribili sia per i diritti umani che per la stabilità regionale”.

Nell’agosto 2020, il signor Hassan è stato condannato a 15 anni di carcere in contumacia da un tribunale per il terrorismo in Egitto per il suo lavoro di difesa dei diritti umani.

In un ambiente così severamente repressivo , molte organizzazioni per i diritti umani sono state costrette a chiudere , ridimensionare le loro operazioni, operare dall’esterno o lavorare sotto il costante rischio di arresti e molestie.

Il governo in genere invoca “antiterrorismo” per giustificare questi abusi e per criminalizzare la libertà di associazione e di espressione. Esperti delle Nazioni Unite hanno messo in guardia contro l’uso da parte dell’Egitto dei “circuiti terroristici” dei tribunali penali per prendere di mira i difensori dei diritti umani, mettere a tacere il dissenso e rinchiudere gli attivisti durante la pandemia Covid-19.

Di fronte a questi ripetuti avvertimenti, il Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite ha la responsabilità di agire e garantire rapporti solidi e controllo internazionale sul deterioramento della situazione dei diritti umani in Egitto, hanno affermato i gruppi.

“È in gioco la sopravvivenza del movimento per i diritti umani in Egitto”, ha detto Kevin Whelan, rappresentante di Amnesty International presso le Nazioni Unite a Ginevra. “I membri della comunità internazionale hanno la responsabilità di sostenere gli sforzi per istituire un meccanismo di monitoraggio e rendicontazione presso il Consiglio dei diritti umani sulla situazione in Egitto, segnalando che il disprezzo dell’Egitto per i diritti umani non sarà più ignorato o tollerato”.

Agenpress

Redazione

Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: