Witcare:Inas e Co.As.It insieme per la comunità italiana a Melbourne

Witcare:Inas e Co.As.It insieme per la comunità italiana a Melbourne

 


MELBOURNE- Dalla collaborazione tra il patronato Inas Cisl CO.AS.IT., che si occupa di servizi assistenziali e domiciliari per gli anziani, oggi nasce WiTCare, una iniziativa che mira a rendere ancora più efficace l’opera di sostegno e assistenza alla comunità italiana a Melbourne, aiutando chi vive in condizioni di disagio ad accedere ai servizi assistenziali e fornendo supporto a chi deve relazionarsi con il sistema previdenziale italiano e gli enti locali.
La presentazione si è tenuta questa mattina, 1° febbraio, in diretta streaming su Facebook con la partecipazione – tra gli altri – del Console Generale d’Italia nella città australiana, Pierluigi Trombetta, del presidente Inas Cisl, Gigi Petteni, e di quello del CO.AS.IT, Mauro Sandrin.
“L’iniziativa – ha spiegato Petteni – nasce da una forte volontà di creare sinergia; ci auguriamo che questo diventi un progetto apripista per l’evoluzione del nostro patronato che opera all’estero. Oggi con CO.AS.IT. aggiungiamo un nuovo tassello ai nostri servizi, per renderli più completi: leggendo le esigenze di chi vive sul territorio, attraverso una rete sociale, troviamo risposte innovative”.
Per il Console Trombetta, invece, “WiTCare è un esempio importante di collaborazione finalizzata a creare qualcosa per il bene comune. Questa iniziativa mi sta molto a cuore, perché due eccellenze che si adoperano moltissimo da anni ora creano una sinergia unica a livello mondiale, per un progetto che spero venga imitato anche altrove. Siamo di fronte a un salto di qualità nell’essere vicini alla comunità”.
Mauro Sandrin e Marco Fedi, rispettivamente presidente e direttore generale CO.AS.IT., e Ciro Fiorini, responsabile Inas Cisl Australia hanno sottolineato l’importanza di questo impegno congiunto.
“WiTCare nasce in un periodo difficile a causa della pandemia, il nostro obiettivo è mettere al centro la persona con i suoi bisogni”, ha detto Fiorini.
“In quest’ottica vorremmo sviluppare questo progetto come modello per l’elaborazione, in futuro, di programmi di supporto anche alle nuove generazioni, non solo alla terza età, per ampliare le nostre tutele congiunte anche in risposta ad altre esigenze”, ha concluso Fedi. (aise)MELBOURNE\ aise\ – Dalla collaborazione tra il patronato Inas Cisl e CO.AS.IT., che si occupa di servizi assistenziali e domiciliari per gli anziani, oggi nasce WiTCare, una iniziativa che mira a rendere ancora più efficace l’opera di sostegno e assistenza alla comunità italiana a Melbourne, aiutando chi vive in condizioni di disagio ad accedere ai servizi assistenziali e fornendo supporto a chi deve relazionarsi con il sistema previdenziale italiano e gli enti locali.
La presentazione si è tenuta questa mattina, 1° febbraio, in diretta streaming su Facebook con la partecipazione – tra gli altri – del Console Generale d’Italia nella città australiana, Pierluigi Trombetta, del presidente Inas Cisl, Gigi Petteni, e di quello del CO.AS.IT, Mauro Sandrin.
“L’iniziativa – ha spiegato Petteni – nasce da una forte volontà di creare sinergia; ci auguriamo che questo diventi un progetto apripista per l’evoluzione del nostro patronato che opera all’estero. Oggi con CO.AS.IT. aggiungiamo un nuovo tassello ai nostri servizi, per renderli più completi: leggendo le esigenze di chi vive sul territorio, attraverso una rete sociale, troviamo risposte innovative”.
Per il Console Trombetta, invece, “WiTCare è un esempio importante di collaborazione finalizzata a creare qualcosa per il bene comune. Questa iniziativa mi sta molto a cuore, perché due eccellenze che si adoperano moltissimo da anni ora creano una sinergia unica a livello mondiale, per un progetto che spero venga imitato anche altrove. Siamo di fronte a un salto di qualità nell’essere vicini alla comunità”.
Mauro Sandrin e Marco Fedi, rispettivamente presidente e direttore generale CO.AS.IT., e Ciro Fiorini, responsabile Inas Cisl Australia hanno sottolineato l’importanza di questo impegno congiunto.
“WiTCare nasce in un periodo difficile a causa della pandemia, il nostro obiettivo è mettere al centro la persona con i suoi bisogni”, ha detto Fiorini.
“In quest’ottica vorremmo sviluppare questo progetto come modello per l’elaborazione, in futuro, di programmi di supporto anche alle nuove generazioni, non solo alla terza età, per ampliare le nostre tutele congiunte anche in risposta ad altre esigenze”, ha concluso Fedi. 

Redazione

Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: