India: Una nuova casa per donne e bambini di strada a Calcutta

India: Una nuova casa per donne e bambini di strada a Calcutta

Calcutta – “Prendersi cura, aiutare e servire gli altri senza distinzione di casta o religione è la strada per manifestare l’amore di Dio per gli esseri umani”: con queste parole, rilasciate all’Agenzia Fides, suor Lucy Kurien, religiosa dell’istituto della Santa Croce di Chavanod, riferisce dell’ apertura di una nuova casa di accoglienza per donne e bambini di strada a Calcutta. Da 35 anni la suora lavora per l’accoglienza e per restituire dignità e donne e bambini: la casa appena avviata è il 50° centro curato da suor Lucy (situati negli stati del Kerala, Maharashtra, Jharkhand) ed è il primo nel Bengala occidentale.
“Abbiamo la grazia di aprire il nostro nuovo centro a Calcutta, dove Santa Madre Teresa di Calcutta, fondatrice delle Missionarie della Carità, ha vissuto e operato. Sono stata ispirata da lei durante la mia giovane età ”, ha detto a Fides Suor Kurien. Durante gli anni giovanili, nel tempo della sua formazione, la religiosa era infatti solita agire da volontaria nelle case delle Missionarie della Carità a Bombay, nell’India occidentale. “Gli incontri e le esperienze con le Missionarie della carità hanno lasciato in me una profonda impressione per il servizio sociale e missionaria in favore di donne e bambini di strada”, racconta.
Suor Kurien è fondatrice e direttrice della rete umanitaria “Maher” (“casa di mia madre” in lingua marathi) con sede a Pune, una serie di centri dedicati a persone che vivono in povertà e indigenza in varie parti dell’India.
“Maher è grato a tutti i nostri amici e vicini che sono venuti a visitarci e ci hanno offerto il loro aiuto. È una iniziativa incoraggiante anche se la paura del Covid-19 è in tutti noi. L’amore può superare ogni paura. Abbiamo la forte speranza che tutto andrà bene ”, ha detto la suora, definita da tanti “eroina” per aver strappato alla strada e alla violenza migliaia di bambini dalle strade in India con la sua organizzazione “Maher”.
“Il nostro Centro offre supporto a tutto tondo – forza fisica, emotiva, mentale e spirituale – a donne e bambini per il loro benessere, in modo che possano sperimentare sicurezza e protezione, crescere e vivere come persone con dignità e responsabilità nella società”, spiega suor Kurien. “Il nostro lavoro continua ad aiutare queste donne e questi bambini in difficoltà confidando nella potenza e nella grazia di Dio. È un’opera di misericordia divina, compiuta grazie a mezzi umani: persone di diversa estrazione religiosa e religione sono disposte ad aiutare il prossimo per il bene comune. Se Dio vorrà, altre case per donne di strada e bambini indigenti in altre parti dell’India, ha aggiunto.
La religiosa è l’unica cattolica tra le 20 donne che il governo indiano ha onorato con il “Nari Shakti Puraska”, un premio destinato a chi opera per l’emancipazione femminile, l’8 marzo 2016, nella Giornata internazionale della donna, per l’eccezionale contributo offerto alla società. E nei giorni scorsi è stata definita dalla rivista austriaca “OOOM” tra le 100 persone che più hanno influenzato il mondo durante la crisi pandemica del 2020.
(Agenzia Fides )

Redazione

Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: