L’Associazione Italiani in Norvegia e il periodico “l’Aurora” cessano le attività

Associazioni

OSLO – È “con profonda tristezza” che l’Associazione Italiani in Norvegia ha annunciato, tramite una nota di oggi, la cessazione delle proprie attività dopo 29 anni. E, con essa, anche “L’Aurora”, il giornale dell’associazione, che vedrà la sua ultima uscita con il numero 6 dell’anno XXIX.

A partire dal 1° gennaio 2021, infatti, l’Associazione Italiani in Norvegia “passerà alla storia”. “Come sapete – si legge ancora nella nota – tutte le cose belle terminano ed anche questa bella storia, dopo 29 anni, è terminata. L’Aurora era l’unica pubblicazione in lingua italiana edita in Norvegia e riporta sul web”.

L’associazione si è detta “amareggiata particolarmente dal fatto che la fine è stata causata anche dal parere negativo espresso dall’Ambasciatore d’Italia in Norvegia, Alberto Colella, e dal parere negativo espresso dal Comites, alla sovvenzione del nostro periodico. Vogliamo ricordare che in 29 anni l’Ambasciatore Colella è stato l’unico ambasciatore che non ha usato il nostro periodico per informare e pubblicizzare avvenimenti politici italiani come le elezioni o i referendum nazionali o notizie sulla prevenzione del Covid-19”.

L’associazione ha poi ringraziato “vivamente Francesco Duraturo, primo direttore de “L’Aurora” e Presidente, Augusto Padoin (R.I.P.) per il logo, Alfonso Ricciardi per il nome, Salvatore Massaiu, Federico Venzi, Giuseppe Valvo, Valerio Tosi, Angelo Ferracuti, e tutti gli altri che hanno lavorato gratuitamente per mantenere in vita il nostro notiziario e l’Associazione. Un ringraziamento particolare alle agenzie di stampa Aise e 9 Colonne”.

“Per l’ultima volta abbiamo l’onore e il piacere di potervi augurare a nome de “L’Aurora” e dell’Associazione Italiani in Norvegia – conclude -.

Buon Natale e Felice Anno Nuovo. God Jul og Godt Nytt År”.  


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *