La sensazione

Come la vediamo

Di Giorgio Brignola

Ci sono spese che, bene o male, fanno parte dei nostri bilanci famigliari. Anche analizzando, in senso inverso, questo problema, la questione non cambia. Com’è logico. In teoria, in Italia, l’80% delle famiglie, che hanno almeno un membro che lavora, dovrebbero farsi carico, in qualche modo, del 20% che non ce la fanno più a tirare avanti e non per demerito. A scriverlo sembra semplice. In pratica, è difficile; se non impossibile. Perché anche nei nuclei familiari non ancora al “tappeto” serpeggia la disoccupazione giovanile e lo stipendio, quando c’è, non basta per tutto. Questa Pandemia ha favorito un divario sociale pericoloso. Ci si accontenta del meno e si riscoprono antichi sapori di una cucina più povera. Se il fenomeno fosse limitato, si potrebbe anche far bel viso a cattiva sorte, ma le proiezioni, più che attendibili, già evidenziano che la percentuale degli occupati stenterà a salire. Per frenare il regresso, dovrebbe tornare la fiducia degli imprenditori. Ma, da come s’è messa in politica, francamente ne dubitiamo. Stiamo svendendo i pezzi fondamentali del nostro lavoro. La produttività d’Italia andrà a rifiorire altrove e, con quella, emigrerà anche il benessere che c’era stato promesso; forse anche in buona fede. Anche il 2021, forse “Covid free”, sarà un anno “difficile”. Certo è che, nonostante il basso profilo di questo Potere Esecutivo, si dovrebbero avviare strategie per tentare d’andare “oltre”. Condottieri, per la carità, non ne vediamo e non ne vogliamo. Essere statisti “autentici” è una dote di cui il Bel Paese è sprovvisto. I politici che dicono la loro, invece, non si contano. Molte volte, però, sono punti di vista privi di prerogative per ridare dignità a questo Penisola che ne avrebbe tutto il diritto. Ora non ci rimane che attendere l’”evolversi” della politica nazionale. Le altre nostre “sensazioni”, proprio perché tali, preferiamo non manifestarle. Giorgio Brignola


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *