Un ascensore italiano all’acropoli di Atene

Un ascensore italiano all’acropoli di Atene

ATENE- In occasione della Giornata Internazionale dedicata alle Persone con Disabilità, ieri, 3 dicembre, Maspero Elevatori ha consegnato ufficialmente alla Fondazione Onassis e allo Stato greco l’ascensore panoramico inclinato realizzato su misura dall’azienda italiana per migliorare l’accesso all’Acropoli di Atene. L’installazione, che permetterà il trasporto di sedie a rotelle, non solo risolve un problema pratico, ma ha anche un valore simbolico rendendo equo e per tutti l’accesso a un monumento che è parte integrante del patrimonio culturale del Paese e patrimonio dell’umanità dal 1987.

Maspero Elevatori, riconosciuta a livello internazionale come leader nella progettazione, realizzazione e manutenzione di impianti elevatori speciali e di grande pregio, sia per persone che per merci, si era aggiudicata l’appalto lo scorso febbraio, prima dello scoppio della pandemia.
“Nonostante le difficoltà operative dovute al lockdown e alle restrizioni dei due Paesi a seguito dell’espansione dell’epidemia da Covid-19, abbiamo mantenuto l’impegno e completato questo ambizioso progetto”, commenta l’Amministratore Delegato Andrea Maspero. “Siamo onorati di averlo consegnato alla Fondazione Onassis, che ringraziamo per averci scelto e per la fiducia, proprio nella Giornata Internazionale delle persone con disabilità. Grazie all’elevatore a piattaforma ora è possibile anche il trasporto di sedie a rotelle, facilitando l’accesso e permettendo così a tutti di poter visitare il sito archeologico che è parte del patrimonio culturale del Paese. L’entrata in funzione dell’impianto sarà programmata non appena lo stato di emergenza e la situazione pandemica lo permetteranno”.
Quello realizzato da Maspero Elevatori è un progetto completo che ha impegnato l’Azienda di Appiano Gentile anche nella progettazione e realizzazione delle strutture di sostegno delle vie di corsa. Un lavoro condotto in stretta collaborazione con la Fondazione Onassis, il Ministero della Cultura e gli archeologi del Central Archaeological Council (KAS) per sviluppare la migliore soluzione da un punto di vista tecnico, della sicurezza e dell’estetica. Un progetto unico, un connubio tra tecnologia e design, con grande attenzione all’ambiente e alla valorizzazione di un monumento dall’enorme interesse storico ed architettonico.

L’ascensore, con un cambio di inclinazione che varia da 38° a 78°, collega in meno di un minuto Peripatos con Eretteo, sul lato nord dell’Acropoli. Ha una capienza di 1.250 chilogrammi e può portare fino a 16 persone (2 carrozzine con accompagnatori). L’impianto speciale è stato studiato per poter trasportare, in caso di emergenza, anche una barella dell’ambulanza con accompagnatore.
La cabina realizzata in cristallo stratificato e completamente trasparente, inoltre, offre ai passeggeri un panorama unico. 


Antonio Peragine

Antonio Peragine

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *