Un video contro la violenza sulle donne

Cultura

In occasione della giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, l’associazione culturale In Progress di Taranto, organizzatrice e titolare di tutti i diritti di Miss Progress International-Donne per il progresso, mette gratuitamente a disposizione il video dal titolo “I say no!”.

Giusy Nobile, presidente del sodalizio no-profit che organizza l’evento, e Giuseppe Borrillo, direttore del concorso, hanno voluto realizzare uno spot accolto con entusiasmo anche dalla responsabile materana di Amnesty InternationalAnna Elena Viggiano, partner di questa produzione.

Nel video, ognuna delle Ambasciatrici del Progresso, con indosso un costume tipico delle tradizioni culturali del suo Paese di provenienza ha pronunciato, nella propria lingua, una frase breve, chiara e diretta: “no, significa no!”.

Il regista, Carlo Barbalucca, ha consentito loro di scegliere se mostrare all’obiettivo rabbia, paura, sdegno o rassegnazione. Il risultato finale è un messaggio intenso, rivolto a chi si macchia di un crimine così infimo e grave. La direzione della fotografia è stata curata da Antonio Zanata, che ha anche realizzato le foto utilizzate al posto di alcune sequenze video.

Questo il link al video https://youtu.be/TNYYBBurmKY che In Progress mette gratuitamente a disposizione di chiunque desideri pubblicarlo e diffonderlo.

Produzione e diritti: Associazione culturale In Progress

Scritto da: Giusy Nobile e Giuseppe Borrillo
Regia e post-produzione: Carlo Barbalucca

Direttore della fotografia: Antonio Zanata
Service: Massimo Cerbera e Illusia Filmworks
Riprese: Davide Preite

Si precisa che la persone riprese hanno rilasciato liberatoria all’associazione culturale In Progress che conferma di non aver nulla a pretendere e di rinunciare irrevocabilmente a ogni diritto, azione o pretesa derivante dall’autorizzazione concessa circa la riproduzione e pubblicazione del video a condizione che esso non sia in alcun modo modificato.

(“fonte: Miss Progress International”) 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *