Travisate le parole di Norman Gobbi: Chiedere scusa agli italiani? Prima le facciano il PD e Samuele Astuti (PD)!

Politica

di Gerolamo de Palma

Il PD pensasse a Governare meglio l’Italia!

Travisare le parole di Norman Gobbi, presidente del Consiglio di Stato del Canton Ticino (a sinistra nella foto), è inopportuno soprattutto in questo momento storico molto difficile per la Svizzera quanto per l’Italia, ciò è fuori luogo, per non dire assolutamente inappropriato e inadeguato.

Il consigliere regionale del partito democratico lombardo, Samuele Astuti, chiede le scuse del presidente del Consiglio di Stato Norman Gobbi, credo sia altrettanto giusto che lo stesso consigliere PD, Samuele Astuti, (a destra nella foto) debba scusarsi con il presidente Norman Gobbi, almeno in questa occasione, perché quanto pubblicato da molti giornali non corrispondente assolutamente a quanto affermato e quindi si voglia far intendere ai lettori, scuse non dovute magari un linguaggio meno colorito è preferibile adottare in futuro, ma nulla di più di questo.

I fatti accaduti ieri:

Prima di una intervista della rete televisiva Tele Ticino operante della svizzera italiana, il presidente del Consiglio di Stato del Canton Ticino  Norman Gobbi riceve una domanda fuorionda da una qualcuno alle sue spalle, la domanda era diretta alla difficoltà che hanno gli italiani in Italia nel fare le visite mediche, al che il presidente Norman Gobbi girandosi verso l’interlocutore dice “ devi chiedere agli italiani cosa “caxxo” che ne frega a me” , affermazione discutibile sicuramente  perché detta in dialetto ticinese e riferita in modo leggermente dispregiativo nel linguaggio utilizzato ma che nulla a che fare con il razzismo verso gli italiani in generale.( Video integrale riportato da www.ticinonews.ch, link  https://www.ticinonews.ch/ticino/cosa-dice-davvero-gobbi-nel-famoso-video-EN3429776 )

Certamente in passato vi sono state altre affermazioni molto colorite e inappropriate, alquanto offensive  nei confronti degli italiani residenti nel Canton Ticino, più di 200.000 connazionali presenti nel Cantone con premesso di dimora o domicilio o con doppia cittadinanza , come nei confronti dei frontalieri italiani,  che sembrano essere almeno 70.000, ma non è questo il caso di offendersi troppo, anche se chiedo al Presidente del Consiglio di Stato, Norman Gobbi, di utilizzare una terminologia appropriata al suo mandato, oggi come in futuro, visto che i due Paesi sono legati da molte vantaggiose opportunità per entrambi i Paesi, legati anche dalla stessa lingua tanto per dirne una.

Dove era il Partito Democratico quando era il caso di prendere le difese degli italiani residenti in Svizzera? Si svegliano solo adesso da un letargo durato tanti anni? Letargo pagato profumatamente dai contribuenti italiani.

Molto più grave l’atteggiamento del Partito Democratico, partito al Governo è responsabile della vita di tutti gli italiani, cittadini in evidente stress anche dovuto al linguaggio mediatico divulgato attraverso le reti nazionali,  reti televisive che ogni giorno fanno trasparire informazioni e dati che di certo non sono adeguatamente corrette, per esempio riportare il numero di ricoveri necessari non includendo tutti coloro sono ricoverati per evitare che possano contagiare i familiari in assenza di un altro posto dove poter trascorrere il periodo di quarantena, o informazioni sul comportamento di pochi cittadini rispetto alla massa per così motivare la successione dei tanti decreti che hanno messo in ginocchio alcune categorie pur promettendo tutt’altro di quanto deciso in seguito, senza con questo voler sminuire la pericolosità del virus.

Il PD si chieda se sia stato corretto e giusto nonché responsabile che I proprietari di ristoranti bar e palestre soprattutto ma non solo, abbiano dovuto velocemente provvedere a fare degli investimenti per non chiudere le loro attività, dopo costretti a chiudere ugualmente, nonostante lo stesso Giuseppe Conte, in rappresentanza della maggioranza a guida PD e M5S, abbia detto: vi diamo una settimana, solo una settimana, per mettervi in regola  per evitare la chiusura, regole rispettate dai bar e ristoranti come anche dalle palestre, per poi aver creato loro un danno economico ben più grave di quanto avrebbero dovuto subire a causa del virus.

Danni elevati sicuramente evitabili utilizzando al tempo giusto coerenza e ragionevolezza prima di fare richieste senza alcuna utilità per tanti imprenditori già molto provati per l’inadeguato metodo di affrontare la pandemia sin da gennaio 2020, ricordo a tutti che il Consiglio dei Ministri, con la firma del Premier Giuseppe Conte, aveva dichiarato lo stato di emergenza già al 31 di gennaio del 2020, stato di emergenza nazionale comunicato solo a Marzo del 2020 quando la situazione era fuori controllo.

Come mai i dati sugli sbarchi non vengono più forniti? Quanti immigrati sono in arrivo sulle nostre coste, quanti di loro hanno il Covid? Queste alcune delle domande che molti italiani si pongono ma alle quali una risposta non viene data, forse anche per evitare di ammettere i propri errori dovuti ad un atteggiamento troppo permissivo ma che produce per qualcuno vantaggi economici contrastanti con la pubblica sicurezza e la diffusione del virus.

A tal proposito il consigliere regionale PD dovrebbe chiedersi se giusto attaccare il presidente Norman Gobbi per aver voluto dire che in questo momento non è interessato agli italiani residenti in Italia, visto che in Svizzera ci sono molti casi di ammalati di Covid a cui dover pensare.

 Il consigliere del PD lombardo Astuti e tutto il Governo devono magari spiegare agli italiani come mai pur sapendo che ci sarebbe stata una seconda ondata non hanno provveduto a potenziare i mezzi pubblici per il trasporto degli studenti invece di spendere milioni per dei banchi a rotelle, del resto del tutto inutili visto che hanno poi optato per la didattica a distanza, a cosa sono serviti gli incentivi su dei monopattini quando è stato vietato in molte regioni lo spostamento dei cittadini, monopattini del resto risultati in alcuni casi anche fuori norma per la sicurezza dei consumatori e della circolazione stradale, ma soprattutto Samuele Astuti e tutto il Governo  dovrebbero interrogare se stessi e chiedersi se sia il caso di far risultare un totale disinteresse da parte dello Stato elvetico verso gli italiani, travisando le parole del presidente Normano Gobbi, quando nel Canton Ticino come in tutti gli altri Cantoni gli italiani residenti sono trattati certamente molto meglio degli italiani in Italia.

I residenti italiani in Svizzera hanno accesso alle cure abbastanza immediatamente, hanno recepito il grave momento ma altrettanto ricevono informazioni molto precise sul modo di comportarsi per evitare il diffondersi del contagio senza incutere la paura più del dovuto, gli stessi imprenditori sono e saranno aiutati  a superare questo momento in tempo reale, non come sta accadendo in Italia dove le promesse e i fatti non corrispondono in termini di tempismo, quantità e qualità di aiuti, le tantissime manifestazioni di molte categorie dimostrano chiaramente la veridicità delle mie affermazioni.

Credo che in futuro sia necessario adottare una  appropriata terminologia da parte del presidente del Consiglio di Stato, Norman Gobbi, sono altrettanto convinto che il PD  e la maggioranza al Governo non devono occuparsi solo e troppo delle parole inadeguate di chiunque sia, bensì, dei fatti e dei provvedimenti da adottare, ritenendo loro incapaci di offrire servizi medico-sanitari in tempo utile come accaduto in passato quando mascherine e disinfettanti erano importanti, raccomandate dal Governo e dai medici, ma non reperibili se non a costi elevatissimi rispetto al reale costo di produzione degli stessi prodotti, atteggiamento permesso dal Governo Conte  a vantaggio di pochi speculatori nel momento di bisogno che reputo essere più consono a degli sciacalli e non a imprenditori onesti e coscienziosi.

IL Partito democratico, il consigliere Samuele Astuti e tutto il Governo dove erano quando vi sono state affermazioni ben più gravi? Dove erano i tanti eletti all’estero del Partito Democratico quando hanno svenduto le proprietà dello Stato utilissime alla comunità italiana residente in Svizzera, Case D’Italia  utili ai connazionali all’estero e ai loro figli  vendute all’asta senza pensarci due volte, Consolati chiusi e mai più riaperti, tasse sulla cittadinanza dei figli degli italiani all’estero, pensioni sparite, e tanti altri provvedimenti che hanno fatto perdere agli italiani all’estero fiducia  verso le istituzioni, malcontento dovuto proprio a responsabilità  di chi oggi si lamenta per una frase poco educata ma che alle spalle hanno ben altro da dover guardare se davvero è agli italiani all’estero e in Italia  che rivolgono un interesse sincero e spassionato, come vogliono farci credere ancora oggi.

Prima di chiedere le scuse di qualcuno al di fuori del Paese, il Partito Democratico, ma soprattutto il consigliere del Pd Samuele Astuti si faccia una adeguata e attenta analisi di coscienza cercando di interpretare le esigenze degli italiani in evidente totale confusione, diffondere odio e paura è ben più grave di una affermazione discutibile e inappropriata, le parole non ledono la salute degli italiani mentre le errate decisioni di un Governo si!


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *