Covid al Sud: una strage annunciata.

Primo piano

di Eleonora Magnelli

Milano da 36 ore e’ piena di valige che camminano, camminano con i loro proprietari in preda al panico , verso le stazioni, gli aeroporti.. come a Marzo, quando il pre locdown inizio’ a creare il panico portando e restituendo fuori sede alle proprie terre ed i loro parenti contagiati di covid. Questa seconda ondata partita dalla Spagna a fine luglio e poi estesa in Francia ed in tutta l’Europa e’ peggio della prima , il virus e’ più’ violento e veloce ed in Italia a Settembre i numeri sono rilasliti senza sosta. Un impennata che ha lasciato medici e virologi senza fiato.
In Italia a Marzo il Sud risultava illeso, con pochissimi casi. Invece adesso per esempio la Calabria e’ già’ zona rossa. Ma il sud non e’ attrezzato, non ha strutture da convertire a solo Covid, non ha nemmeno abitudine a gestire le terapie intensive, dove invece gli ospedali del nord hanno purtroppo fatto lunga pratica ed esperienza dallo scorso marzo. Al sud in questa seconda ondata violentissima di covid19 ci sarà’ una strage annunciata?


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *