Vittorio Feltri lascia l’ordine “Non ne posso più!”

Primo piano

di Eleonora Magnelli


II direttore editoriale di “ Libero”, Vittorio Feltri, classe ’43 , si porta in pensione da se’ o comunque, questo e’ il senso, lasciando il quotidiano da lui stesso fondato negli anni 2000.
Iscritto dal 1971 all’Albo dei giornalisti professionisti , dichiara di avere tre procedimenti aperti di contestazione del suo lavoro, “Da anni l’Ordine mi rompe, soprattutto per i titoli di Libero, nonostante ci sia un Direttore responsabile, non ne posso più”.
Feltri , 77 anni , nel suo stile “feltrino” , sceglie il giorno e l’ora della sua ”pensione”, non potendosi piu’ definire giornalista nel senso giuridico del termine. E poi quando Carlo Verna dichiara “Avremmo preferito accompagnare Vittorio Feltri su una strada di maggior attenzione delle norme della professione” , il Direttore editoriale di Libero gli rimbalza un “Voleva accompagnarmi sulla via dell’anonimato che lui ha sempre percorso”.
Ma questa mattina Feltri, apre il “suo Libero” con un tema diverso : ” La prima regola della vita :imparate a comprare. Morire ricchi non ha senso”.
Sara’ che con tutti gli avvocati che ha pagato in questi anni per difendersi dalle innumerevoli querele ricevute, ha trovato un senso alla quantità di denaro speso.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *