Promozione del made in Italy in Bulgaria: i webinar della Ccib

cronaca

Tra i differenti servizi erogati, anche un servizio personalizzato di assistenza per l’ottenimento di “dichiarazioni della Camera che valutano le circostanze di forza maggiore legate allo scoppio della pandemia di Covid-19”, attivato dalla CCIB per facilitare le relazioni commerciali tra le società italiane e bulgare. Su apposita circolare del Ministero dello Sviluppo Economico inviata il 25 marzo a Unioncamere, la CCIB ha tempestivamente agito a favore delle PMI italiane per mantenere le loro relazioni commerciali e industriali con i partner bulgari ed evitare conseguenze negative sulla loro attività.
Oltre alla continua erogazione di servizi di ricerca di partner commerciali e altri connessi all’assistenza alle imprese, la CCIB è stata invitata a partecipare al progetto “SEI-Sostegno all’Export dell’Italia/Supporting the Export of Italy” promosso da Unioncamere con l’obiettivo di supportare le aziende italiane in Bulgaria. Il successo del progetto SEI – riporta oggi la Camera di commercio – ha consentito fino ad oggi la presentazione di 33 mercati internazionali su www.sostegnoexport.it, grazie alla rete della Camera di Commercio Italiana all’Estero in diretta collaborazione con Assocamerestero.
L’helpdesk Covid-19 della CCI di Sofia continua a lavorare intensamente sui servizi volti a supportare le relazioni commerciali e industriali tra Italia e Bulgaria per soddisfare le esigenze delle MPMI.
Anche a seguito dei risultati del primo sondaggio “L’impatto di Covid-19 sui rapporti d’affari bilaterali”, utile a rimodulare il piano promozionale camerale e a revisionare la strategia, la Camera di Commercio Italiana in Bulgaria è ora pronta ad avviare una serie di webinar gratuiti in programma per giugno 2020 tramite la piattaforma zoom, in stretta collaborazione con i suoi soci, aziende e professionisti, nonchè business partner.
L’obiettivo principale – spiega la CCIB – è quello di approfondire temi specifici alla luce del mutevole scenario nazionale e internazionale dell’emergenza Covid-19 e in virtù della recente chiusura dello stato di emergenza in Bulgaria del 13 maggio e della conseguente “circostanza epidemiologica straordinaria” in vigore fino al 14 giugno 2020.
Dalla consulenza fiscale e legale post Covid-19 alle misure economiche e finanziarie a favore delle MPMI, dalla tematica supply chain dell’agroalimentare italiano in Bulgaria all’e-commerce e vendita online nell’industria alimentare, dalla trasformazione digitale al trasporto e logistica.
I webinar series saranno tenuti in lingua italiana, inglese e bulgaro a seconda del target group dell’evento. 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *