Coronavirus: a San Miguel (Argentina) l’opera Don Orione concede Villa Tupasy per un covid-centre

Mondo

ROMA – “La scorsa settimana abbiamo firmato un comodato a uso gratuito di Villa Tupasy (San Miguel) con il Comune di San Miguel. Gli operatori sanitari coinvolti nella cura e nel supporto delle persone infette da COVID-19 saranno temporaneamente ospitati nella nostra casa per la durata dell’emergenza sanitaria. Allo stesso modo, stiamo discutendo con il comune di Almirante Brown per firmare una convenzione con caratteristiche simili per la casa dell’ex noviziato San Luis di Claypole. Le persone che devono essere isolate perché infettate dal virus COVID-19, sarebbero alloggiate nella casa dell’ex noviziato”. Ne dà notizia in una nota Padre Gustavo Aime, Direttore della Provincia “Nostra Signora della Guardia” – Argentina – dell’Opera Don Orione.
“In questo modo – aggiunge – rispondiamo anche come Provincia all’invito del Direttore generale, Padre Tarcisio a seguire le ispirazioni di Don Orione con piccoli gesti: “Nell’ordinario possiamo fare gesti straordinari: la corrente è formata da ogni goccia e i grandi fiumi dalle correnti; i mezzi che una brava persona può avere molte volte si esauriscono presto, ma non quando ce ne sono cento, ce ne sono mille””.
L’anno prossimo, l’Opera commemorerà il centenario dell’arrivo di don Orione in Argentina, nel 1921, anno in cui nacque la Provincia religiosa “Nostra Signora della Guardia”.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *