L’essenza del Natale in una collezione

Primo piano

Il presepe è l’essenza del Natale esattamente nello spirito con cui San Francesco lo rappresentò per la prima volta nel lontano 1223 a Greccio.

L’idea di raccogliere natività di materiali diversi è venuta a Nunzia Bernardini per evitare di realizzare la solita e rituale “capanna” più o meno ricca e colorata.

Così è nata una collezione che, oggi, ha raggiunto 250 pezzi.

Allineati in vetrinette e sui mobili della casa si possono osservare presepi in vari tipi di legno, vetro, porcellana e ceramica, cera, argento, rame e ferro, carta pesta, pizzo e tessuti diversi, tufo e pietra lavica, plexigass o polistirolo.

Negli anni la collezione si è arricchita di alcuni elementi particolari: c’è il francobollo emesso nel 2000 con il presepe di Matera, il proiettile di pistola, l’uovo di struzzo, il geode di quarzo, le sculture fatte a mano, l’azulejo portoghese ed un gran numero di natività etniche provenienti da diversi paesi del mondo.

Anche i viaggi hanno rappresentato l’occasione per cercare particolarità: i presepi della Svezia e dell’Olanda, il Gesù Bambino della Chiesa della Natività di Betlemme, la riproduzione di una vetrata di Notre Dame di Parigi, il limone di Capri, il trullo di Alberobello, un pezzo di Spaccanapoli o l’icona Russa.

Tutte natività che esaltano la celebrazione dell’evento “misterioso” che ha cambiato la storia dell’umanità e della cristianità.

Al termine della visita la collezionista esprime un desiderio: quello di esporre la propria collezione in un luogo adeguato per poterla condividere con tanti altri appassionati!

Appuntamento, allora, al prossimo Natale!

Redazione


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *