“Il Leone e la Montagna”, in mostra scavi italiani in Sudan

“Il Leone e la Montagna”, in mostra scavi italiani in Sudan

Fino al 19 gennaio prossimo è possibile visitare al Museo di scultura antica Giovanni Barraco di Roma la mostra “Il leone e la Montagna”, promossa dal Comune di Roma con il Patrocinio della Farnesina, che espone reperti degli scavi della Missione Archeologica Italiana in Sudan, finanziata dal Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale e attiva da quasi cinquanta anni nel sito del Jebel Barkal, patrimonio mondiale Unesco dal 2003.

Gli oggetti in mostra lasciano il Sudan per la prima volta e provengono dallo scavo dell’antica città di NapataGrazie anche a un corredo di testi, immagini e ricostruzioni grafiche prodotto dagli archeologi della Missione, il visitatore è accompagnato nella scoperta di un mondo ancora poco noto e di una cultura che fa da ponte tra Africa, Egitto e Mediterraneo. 

L’evento espositivo, realizzato in collaborazione tra le due sedi universitarie “Ca’ Foscari” di Venezia e “Sapienza” di Roma, offre un quadro esaustivo ed aggiornato dell’area cerimoniale di epoca meroitica, fiorita nell’antica Napata intorno al I sec. d.C. Nell’area di scavo della Missione Italiana negli anni si è delineato un vasto spazio dominato da un grande palazzo regale e da varie strutture satelliti. Nel loro insieme, questi edifici rappresentano l’interpretazione meroitica del concetto di città regale di matrice ellenistica.

Antonio Peragine

Antonio Peragine

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *