Ricatti atlantici sull’Italia (ali) e reiterazione

cronaca

Written by:

Ci pare di capire che il lupacchiotto atlantico perda il pelo ma non il vizio, peccato che nelle stanze dei bottoni, non ci siano più amici e associati come ci raccontava la Gabanelli su Report nel 2004 https://youtu.be/v1F8tX6Zq0c , ma gente giovane (e meno) che resta ispirata dalla volontà di fare giustizia, in particolare a fronte del grande crimine di massa contro Genova, il Nord, l’Italia e L’Europa (si su quel Ponte Morandi ci siamo passati tutti tremebondi, mentre gli atlantici succhiavano extraprofitti da tutte le parti parti: pedaggi extragonfiati, autogrill con prezzi moltiplicati di una birretta per 5 rispetto ad un coop , parcheggi non grillizzati abbandonati a sé e resi inagibili ad arte, ecc).

Adesso con i frutti di queste efficentissime imprese di mercato (monopolistico predatorio) assistiamo alla penosa sceneggiata del “salvataggio” dell’Alitalia con i soldi rubati agli italiani assassinati sul Ponte Morandi, mentre emergono responsabilità gravissime per le quali sono state emesse già le prime misure cautelari. Ma la illusione che niente è cambiato e che si può giocare con lo Stato e le sue Leggi come si fece con Tremonti che aveva osato opporsi alle imprese predatorie sui pedaggi, in qualità di Ministro responsabile, è dura a morire, e non so se basterà l’ergastolo senza sconti e senza permessi per questi delitti contro gli Italiani e contro la Giustizia.

In ogni caso in attesa che la Giustizia faccia il suo corso si può plaudire alla chiara posizione del Blog delle Stelle che ha scritto una nota politica chiara nel titolo e nel contenuto https://www.ilblogdellestelle.it/2019/10/su-autostrade-chi-ha-sbagliato-deve-pagare.html

Non si può chiacchierare di TOLLERANZA ZERO solo contro gli sfigati delle copertine di united color che attraversano su qualche barchetta di cartone il Mediterraneo, spesso finendo in pasto ai pesci, e continuare a fare spallucce e a banchettare a ostriche e champagne con violatori di professione dei codici, delle leggi e della sicurezza stradale degli italiani, che poi fanno pure i fighi con la Nazione http://www.affaritaliani.it/economia/atlantia-e-per-il-modello-swiss-air-concessioni-linea-dura-dei-benetton-630293.html .

Si caduchi senza indugio la concessine atlantica e si recuperi il maltolto agli italiani e allo Stato. C’è margine per salvare l’alitalia, ridurre le tasse e fafre molto altro di interesse pubblico, con quatto ispettori che fanno il loro lavoro e dovere.

Si rimetta mano alla efficentamento della Pubblica Amministrqzione sulla base di risultati veri. Non c’è bisongo di sciacalli e pirati per fare una Pubblica Amministrazione efficiente, basta passare Brogeda o il Brennero e guardare come si fa, anche per le autostrade-

C’è bisogno di verità e di fare tutti la nostra parte per l’Italia, che è di proprietà degli Italiani, come si comincia a capire quando si deve pagare il conto con le tasse, che non debbono servire per fare ricchi dei criminali atlantici, consippari, poggiolinici o alla Padmore, ma per fare bella e potente l’Italia e gli Italiani tutti, come nella tradizione di cui ci resta ancora lo splendore di Venezia, Firenze, Roma, Capri e Taormina, che ci ricordano chi siamo e chi dobbiamo tornare ad essere.

https://www.tv2000.it/tg2000/video/alitalia-atlantia-no-salvataggio-se-ci-sara-revoca-concessioni-autostrade/

 Vincenzo Valenzi

https://www.facebook.com/vincenzo.valenzi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *