Il Congedo dell’Ambasciatore Del  Panta

Primo piano

Written by:

L’ Ambasciatore Del Panta ha lasciato nei giorni scorsi la sede di Berna, dopo tre anni di servizio in questo Paese. L’occasione ci sembra propizia per tentare di stilare un bilancio del lavoro che egli è venuto svolgendo a sostegno  della collettività italiana qui residente, nell’ambito, principalmente,  delle iniziative di interesse  consolare.  Dobbiamo però  confessare di provare sul punto  un certo disagio. Abbiamo infatti seguito da vicino, anche nella nostra  qualità di membri del Comites, alcune delle  principali vicende di interesse consolare, e ci sembra perciò di poter affermare che il coordinamento delle attività degli uffici, portato avanti dall’Ambasciatore, abbia trascurato il tema, secondo noi decisivo,  della  produttività e dell’efficienza del  lavoro dei Consoli,  mentre ha  dato, invece, troppa priorità a  pretensioni  di natura  disciplinare e correttiva.

Su un piano generale, merita notare  l’insolita azione di investigazione, avviata dall’Ambasciatore subito dopo il suo arrivo  nella sede di Berna, con l’apertura di svariati procedimenti disciplinari contro funzionari, o ex funzionari, in servizio in Ambasciata e negli uffici consolari- principalmente nel Consolato generale di Zurigo –  e, altresì, nell’Istituto Italiano di Cultura. Sono insorte, di conseguenza, non poche vertenze giudiziarie, che hanno impegnato, sia il capo Missione, sia i dirigenti della Farnesina, oltre, naturalmente, i funzionari e gli ex-funzionari oggetto di indagini.

Per gestire un così esteso contenzioso, che si trascina, oggi, davanti ai Tribunali italiani , è lecito supporre che il ministero degli Esteri abbia impiegato una quantità forse spropositata di energie professionali, mobilitando a tal fine  funzionari diplomatici, consiglieri giuridici, dirigenti amministrativi e mandando perciò in fibrillazione – è da presumere-  le direzioni generali competenti. Apparentemente, questioni di natura interna all’Amministrazione hanno avuto perciò la precedenza sugli aspetti più propriamente lavorativi e di gestione delle sedi dipendenti,  frenando, in qualche modo,  l’operatività  degli uffici interessati.

In questo contesto, una delle  vicende forse  più ingombranti, per i suoi riflessi  disciplinari e per i successivi effetti giudiziari, rimane  probabilmente quella registratesi lungo la direttrice  Berna- Zurigo-Roma : in questo ambito, si è infatti consumato,  a partire dai  primi mesi del 2016, uno scontro molto  acceso tra l’Ambasciatore Del Panta, fresco di nomina e di sede, affiancato  per l’occasione dalla dirigenza ministeriale, e  il Console generale a Zurigo Francesco Barbaro , ormai prossimo a lasciare  il servizio.

Secondo le notizie qui  correnti,  la causa  dello scontro   sarebbe stata una differenza di opinioni sull’impostazione da dare ai corsi di lingua  italiana per i cittadini svizzeri di lingua tedesca, e sul ruolo, altresì, che l’Istituto Italiano di Cultura gioca, o potrebbe giocare, in tale ambito. Le  perplessità espresse in proposito dal Console Generale e i suoi inviti alla prudenza – ricordiamo che l’italiano in Svizzera non è una lingua straniera- , non sarebbero piaciuti ai suoi Superiori, che vi avrebbero letto  l’espressione di un dissenso e l’inosservanza dei doveri di  ufficio.

Esigenze di riservatezza  non  consentono di  soffermarsi  sugli aspetti disciplinari  di questa intricata  vicenda, che continua, ancor oggi, a formare  oggetto di contenzioso davanti ai Tribunali.  Notiamo soltanto, con riguardo al Console generale, che  l’Ambasciatore gli ha notificato  la sanzione della censura giusto alla vigilia della sua partenza da Zurigo, congedandolo quindi dal servizio con una nota di disonore.  Non conosciamo le ragioni recondite di una decisone siffatta, conosciamo però i successivi svolgimenti in ambito giudiziario, svolgimenti che hanno procurato un grave passivo al ministero degli Esteri. Sulla pagina web  del Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio, abbiamo letto il testo della sentenza del 25 giugno  2018, con cui il TAR ha accolto il ricorso contro l’Amministrazione presentato dal dr. Barbaro e ha condannato  il Ministero per eccesso di potere. Il Tribunale ha giudicato illegittima l’azione disciplinare condotta contro il Console generale, annullando  la sanzione della censura e condannando inoltre il ministero degli Esteri al pagamento delle spese processuali. La Giustizia ha dunque  restituito al dr.  Barbaro tutto il suo onore, ma ha anche  dischiuso, nel contempo, un interessante  spiraglio sui metodi  seguiti dalla Farnesina nel campo disciplinare.

Gerardo Petta

Membro Comites-Zurigo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *