Domenico Meliti è il nuovo coordinatore MAIE UK

Primo piano

Written by:

A nominarlo è stata Anna Mastrogiacomo, coordinatrice MAIE Europa, in accordo con il presidente del MAIE, Sen. Ricardo Merlo. Imprenditore nel settore delle costruzioni: “Sono convinto che il MAIE sia il giusto strumento per offrire soluzioni concrete ai problemi degli italiani nel mondo”

Ringrazio la signora Mastrogiacomo e il presidente Merlo per la fiducia”, dichiara il neo coordinatore. “Sono convinto che il MAIE sia il giusto strumento per offrire soluzioni concrete ai problemi degli italiani nel mondo. Sono già al lavoro per incontrare, come coordinatore MAIE UK, i principali esponenti della comunità italiana del Regno Unito, nonché i rappresentanti delle più importanti associazioni italiane, per poter mettere a sistema l’italianità presente in terra inglese e costruire anche in questo Paese un MAIE forte e organizzato”, sottolinea Meliti.

Nato a Monza nel 1976 e arrivato a Londra il 7 febbraio del 1999, in pochi anni Domenico ha creato un’azienda che costruisce e ristruttura, in tutto il Regno Unito, circa 1000 appartamenti all’anno, confermando il know-how italiano anche nei progetti di costruzione. Oggi, dopo anni di sacrifici e lavoro, il suo team è composto da 120 persone, con un piano di crescita che prevede nuove assunzioni.

“Questa mia esposizione a livello imprenditoriale mi ha dato l’opportunità di tessere relazioni con i partiti di Governo e di farmi conoscere da numerose personalità del mondo politico locale”, spiega lo stesso Meliti. “Come imprenditore sono molto attivo anche a livello camerale, come consigliere della prestigiosa Camera di commercio italiana a Londra, svolgendo numerose attività di rappresentanza e di supporto al mondo imprenditoriale italiano”.

Domenico Meliti continua il suo impegno per affermarsi come uno dei maggiori imprenditori a livello europeo ed internazionale. Nel frattempo, mentre lavora e produce,non dimentica i più poveri e i più bisognosi: tante sono le sue opere di bene e le sue donazioni a enti e associazioni che da sempre stanno a fianco dei più deboli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *