Ace – Simest celebra il suo 10° in Brasile e 900 milioni di dollari nuove operazioni

Primo piano

Written by:

SAN PAOLO – 900 milioni di dollari di opportunità per le imprese italiane in Brasile. A tanto ammonta il valore delle operazioni nel mercato verde-oro sul tavolo di SACE SIMEST, il Polo dell’export e dell’internazionalizzazione del Gruppo Cassa Depositi e Prestiti, che festeggia il decimo anniversario del proprio Ufficio di Sao Paulo.

Tra questi vi sono 600 milioni di dollari di operazioni allo studio in un’ampia e diversificata gamma di settori, dall’Oil&Gas alle infrastrutture, dall’agroalimentare alla sanità e – annunciata proprio in occasione del Decennale brasiliano – una linea di credito da 290 milioni di dollari garantita a Braskem, colosso brasiliano del petrolchimico, per sostenere l’assegnazione di commesse e forniture a imprese italiane della filiera.
“Crediamo fortemente nelle potenzialità del Brasile, la cui economia, già molto dinamica e legata da importanti relazioni di interscambio con l’Italia, mostrerà una grande accelerazione nei prossimi anni”, ha dichiarato Alessandro Decio, amministratore delegato di SACE. “La solidità del sistema finanziario e la nuova agenda economica pro-mercato saranno tra i principali drivers del balzo in avanti del Paese, che ha ancora ampi margini di espansione della propria apertura ai mercati esteri. Con il nostro ufficio di Sao Paulo abbiamo creato una base importante su cui le imprese potranno continuare a contare per cogliere al massimo questo grande potenziale”.

Negli ultimi 10 anni, il Brasile è stato il primo paese nel portafoglio SACE per l’area latinoamericana: dopo aver raggiunto la cifra record di 1,6 miliardi di euro nel 2016, l’esposizione ammonta oggi a 1,2 miliardi, e rappresenta il 27% di quella totale in America Latina.
L’Ufficio di San Paolo, che è l’hub di riferimento per l’America Latina e l’America Centrale, ha finalizzato, dalla sua apertura, più di 1.500 transazioni per un valore totale di 5 miliardi di euro.

Anche per SIMEST il Brasile rappresenta una destinazione importante: dall’inizio della sua attività, è entrata nel capitale di 67 partecipate di aziende italiane, per una quota totale di 129 milioni di euro.
Due i grandi eventi organizzati da SACE per celebrare il Decimo Anniversario dell’Ufficio di Sao Paulo.
Mercoledì scorso, 6 febbraio, presso il Centro Eventi Tomie Ohtake, oltre 50 imprese italiane partecipato a una grande iniziativa di business-matching con large corporate brasiliane clienti di SACE e pronte a valutare opportunità di collaborazione con imprese italiane: Petrobras (gigante del petrolchimico), Nexa (importante compagnia mineraria) e Braskem (maggior produttore brasiliano di termoplastiche, polipropilene e polietilene).

Martedì 5, sempre presso il Tomie Ohtake, il Polo SACE SIMEST ha dedicato una serata alla business community brasiliana, presentando i propri piani di crescita nel Paese, con interventi dell’Ambasciatore italiano in Brasile, Antonio Bernardini, e dell’economista brasiliano Jose Roberto Mendonça de Barros al fianco del top management di SACE.
“In questi ultimi dieci anni l’appoggio di SACE è stato fondamentale per offrire alle imprese italiane interessate al mercato brasiliano un sostegno in molti casi indispensabile per la fattibilità stessa delle proprie attività, soprattutto quando si tratta di aziende di piccole e medie dimensioni”, ha dichiarato l’Ambasciatore Bernardini. “Un appoggio su cui continuiamo a contare anche per il futuro, in quest’importante momento di privatizzazioni e concessioni annunciate dal nuovo Governo. Le sfide che il Brasile affronterà per migliorare le proprie infrastrutture si trasformeranno in opportunità che, se ben colte, potranno generare grandi benefici per entrambi i nostri Paesi”.