Ecuador: l’Italia finanzierà nuovi progetti di sviluppo

Rete Diplomatica

Written by:

Ecuador: l’Italia finanzierà nuovi progetti di sviluppo attraverso l’accordo di conversione del debito

QUITO – Lo scorso 19 dicembre, il Ministro degli Affari Esteri e della Mobilità Umana dell’Ecuador, José Valencia, e l’Ambasciatore d’Italia a Quito, Marco Filippo Tornetta, hanno sottoscritto il documento di programma del FIEDS, relativo alle attività di cooperazione e aiuto allo sviluppo previste dall’Accordo di Conversione del Debito, che saranno gestite attraverso il Fondo Italo Ecuadoriano per lo Sviluppo Sostenibile (FIEDS).
La cerimonia si è tenuta nel Salone degli Ambasciatori della Cancelleria ecuadoriana, alla presenza dell’Ambasciatore Mauricio Montalvo, Sottosegretario alla Cooperazione Internazionale, del Direttore Generale per la Cooperazione Internazionale Hernan Yanez, del Condirettore Italiano del FIEDS Carlo Miglioli, della Condirettrice Ecuadoriana del FIEDS Andrea Marin e dell’esperto esterno dell’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo (AICS) Antonio Lapenta. La firma del Documento di Programma del FIEDS, perfezionata dalle massime autorità del Comitato Direttivo di progetto, conferisce carattere di ufficialità alla seconda fase dell’iniziativa di conversione del debito, che permetterà, dal gennaio 2019, di destinare un totale di 35 milioni di dollari alla realizzazione di nuovi interventi di sviluppo in tutto l’Ecuador.
L’evento è stato presieduto dal Cancelliere José Valencia, il quale ha espresso la più ampia gratitudine e riconoscenza per il significativo supporto offerto dall’Italia attraverso il Programma di Conversione del Debito, che permetterà di canalizzare risorse a favore delle popolazioni e dei territori più vulnerabili del Paese, in linea con le priorità dell’Agenda 2030 e con gli obiettivi tracciati dal Programma Nazionale di Sviluppo 2017-2021.
Nel corso del suo intervento, l’Ambasciatore Tornetta ha ringraziato le Autorità locali per l’organizzazione dell’evento, che rappresenta un passo decisivo verso la fase di piena operatività del programma, oltre a testimoniare il rinnovato impegno della Cooperazione Italiana nei confronti del Paese andino. L’Ambasciatore Tornetta, richiamando il prezioso lavoro sviluppato dall’Italia negli ultimi mesi allo scopo di avviare il dialogo con la controparte e sostenere l’esercizio di programmazione delle attività, ha quindi auspicato una rapida attivazione dell’intervento attraverso il lancio del primo nucleo di iniziative da condurre a finanziamento.
Il documento di Programma FIEDS, nello specifico, è lo strumento programmatico che fissa le priorità settoriali e tematiche che orienteranno, in sede di programmazione strategica, le scelte dei due governi nell’ambito dell’allocazione delle risorse destinate al finanziamento di nuove iniziative. Sono quattro, inizialmente, i macro-settori identificati: i) sviluppo sostenibile dell’economia, con particolare attenzione ai settori energetici, produttivi e all’innovazione tecnologica; ii) servizi sociali e miglioramento delle infrastrutture di base; iii) conservazione del patrimonio culturale e naturale; e iv) rafforzamento delle capacità istituzionali.
Il documento in questione è frutto di uno sforzo congiunto, realizzato dalla Segreteria Tecnica del FIEDS e da un team di funzionari che fanno capo alla Direzione Generale per la Cooperazione Internazionale del locale Ministero degli Affari Esteri, con il costante supporto e il prezioso contributo offerto dell’esperto AICS Carlo Miglioli, Condirettore Italiano del Fondo.