Le mete preferite dagli italiani in ferie in Italia la Puglia, all’estero la Grecia

Cultura

Written by:

Detto delle presenze turistiche in aumento in Italia e del mare come meta prediletta, ora conosciamo anche quale mare in particolare scelgono i turisti. Per il Codacons è la Puglia, anche quest’anno. Del resto sono ormai alcuni anni che le spiagge pugliesi conquistano tantissimi turisti, mentre la Grecia resta il grande classico. 

«Anche quest’anno – ufficializza il Codacons al termine della sua consueta ricerca estiva – la Puglia si conferma la meta prediletta delle vacanze estive per quella fetta di italiani che sceglie di trascorrere la villeggiatura nel nostro Paese». 

«34 milioni – si legge nella nota che conferma i dati di cui abbiamo già parlato nei giorni scorsi – sono gli italiani che si concederanno una vacanza in questa estate 2018, generando un giro d’affari complessivo pari a 23,9 miliardi di euro. Di questi il 70% sceglie il mare, e circa il 60% dei vacanzieri rimarrà in Italia. Tra le destinazioni favorite del nostro paese, la Puglia si conferma in cima alle preferenze degli italiani e sarà scelta dal 20% delle famiglie, seguita da Sicilia, Toscana e Liguria». 

Tra le mete estere invece «Grecia sempre in pole position (28%), seguita da Croazia (24%) e Spagna (20%). Dopo anni di crisi il comparto del turismo conferma nel 2018 la ripresa già avviata lo scorso anno, con una crescita sia delle partenze, sia della spesa delle famiglie. Rispetto a 10 anni fa il giro d’affari generato dalle vacanze estive degli italiani cresce del +18,3%, passando dai 20,2 miliardi di euro del 2008 ai 23,9 miliardi di quest’anno. A pesare sull’incremento della spesa, tuttavia, è anche il fattore prezzi, con i listini di beni e servizi in crescita in tutto il comparto turistico, dal trasporto aereo ai pacchetti vacanza, passando per stabilimenti balneari, ristorazione e strutture ricettive. Rincari che porteranno una famiglia a spendere per la classica settimana di villeggiatura circa il 7% in più rispetto allo scorso anno».