Tu non conosci il sud

Cultura

Written by:

E la chiamano estate 2018 / gli anni di bari BARI 1991, oggi, mercoledì 27 Giugno 2018 – BARI – ore 20.30

Sala Convegni della Biblioteca Metropolitana “De Gemmis”, complesso Santa Teresa Dei Maschi

È il “1991” l’anno protagonista del secondo appuntamento di TU NON CONOSCI IL SUD – E LA CHIAMANO ESTATE, che per questa sua terza edizione propone il racconto de GLI ANNI DI BARI.

Mercoledì 27 giugno, a partire dalle 20.30, si parlerà di un anno cruciale e degli accadimenti che mutarono la storia di Bari e della Puglia, con il giornalista e saggista Oscar Iarussi, e l’imprenditrice Simonetta Lorusso, dopo i saluti di Francesca Pietroforte, consigliera delegata ai Beni e alle Attività Culturali della Città Metropolitana di Bari.

L’incontro si terrà eccezionalmente nella Sala Convegni della Biblioteca Metropolitana “De Gemmis”, complesso Santa Teresa Dei Maschi, al secondo piano (anziché in Terrazza), a Barivecchia, a causa del maltempo.   

Ricordiamo la novità di questa edizione di TU NON CONOSCI IL SUD – E LA CHIAMANO ESTATE, che già nel primo incontro, mercoledì scorso, ha fatto registrare un ottimo riscontro da parte del pubblico. Gli appuntamenti in terrazza infatti, sono a ingresso libero, ma vi si potrà accedere dietro presentazione, in alternativa, di:  una copia di un quotidiano a scelta, uno scontrino comprovante l’acquisto di un libro in libreria, un biglietto di cinema/teatro/museo/concerto. Tutti gli acquisti devono essere relativi alla settimana in cui si tiene l’evento. Questo perché TU NON CONOSCI IL SUD vuole rendere tangibile l’idea di cittadinanza culturale che persegue sin dalla sua fondazione.

 “TU NON CONOSCI IL SUD – E LA CHIAMANO ESTATE 2018 – GLI ANNI DI BARI” è ideato dall’associazione Tu non conosci il Sud e promosso dalla Libreria Laterza in collaborazione con la Città Metropolitana di Bari e i Presìdi del Libro. Organizzazione: Veluvre – Visioni culturali

BARI 1991

Saluto di

Francesca Pietroforte Consigliera delegata ai Beni e alle Attività Culturali della Città Metropolitana di Bari con Oscar Iarussi giornalista e saggista, Presidente dell’associazione Tu non consoci il Sud

Intervento di Simonetta Lorusso imprenditrice

Dal 27 al 30 giungo 1991 si tenne a Bari, definita “la città più socialista d’Italia”, l’ultimo congresso del Partito Socialista Italiano prima dello scioglimento, di lì a poco, alle soglie di Tangentopoli. In quella stessa estate, all’alba dell’8 agosto, nel porto di Bari attracca il Vlora, con il suo carico di ventimila disperati in fuga dall’Albania, e niente fu più come prima. Bari e la Puglia diventano approdo e speranza davanti agli occhi del mondo, i baresi e i pugliesi vestono una nuova consapevolezza e una inedita identità. Era notte invece quando il fuoco distrusse e calpestò l’orgoglio della città. Il 27 ottobre, il Teatro Petruzzelli va i cenere e con lui i favolosi anni Ottanta della “Bari da bere”, con le stagioni teatrali firmate da Ferdinando Pinto, e la pop music di “Azzurro” (1982-1989).

Dopo il successo delle precedenti edizioni, torna sulla Terrazza della Biblioteca Metropolitana “De Gemmis”, complesso Santa Teresa Dei Maschi, (strada Lamberti 3/4), a Bari Vecchia, TU NON CONOSCI IL SUD – E LA CHIAMANO ESTATE, l’appuntamento estivo che si inserisce nel progetto culturale TU NON CONOSCI IL SUD, ideato dall’omonima associazione culturale.

Questa edizione della manifestazione è dedicata a “GLI ANNI DI BARI”, e prevede quattro appuntamenti serali, dal 20 giugno all’11 luglio, ogni mercoledì, ognuno dei quali si concentrerà su un anno topico nella storia di Bari. Gli anni individuati sono il 2005, il 1991, il 1962 e il 1943. 

Quattro serate per parlare di Bari e della sua storia, delle sue trasformazioni politiche, economiche, sociali, culturali, urbanistiche, di vicende e protagonisti che hanno segnato il percorso giunto sino a noi, di peculiarità e contraddizioni di una città costantemente in divenire.

Come consuetudine negli eventi organizzati da Tu non conosci il Sud, le conversazioni con autorevoli relatori saranno accompagnate da momenti spettacolari, quali musica, proiezioni video, letture, e per ogni serata ci sarà anche una sigla finale che chioserà l’anno sul quale si è discusso durante l’incontro.